Artcurial Milano Fall Selection

 tubm_ZaoWouKi17027112057619711976Artcurial
Fall Selection.
Preview delle prossime aste di dicembre a Parigi.
Da mercoledì 16 a giovedì 17 novembre 2016
Opening: martedì 15 novembre dalle ore 18.30 – 21.00
Artcurial in Italia
Milano, Corso Venezia 22
Artcurial in Italia, diretta da Gioia Sardagna Ferrari, presenta, nella propria sede milanese di Palazzo Crespi in Corso Venezia 22, da mercoledì 15 a giovedì 16 novembre, Fall Selection, anteprima di una selezione di lotti che saranno battuti in asta a Parigi in due importanti sessioni di vendita. Lunedì 5 dicembre, si terrà infatti la prestigiosa asta L’amitié, la seule patrie costituita da un insieme di opere d’arte appartenute a Jean Leymarie (1919 – 2006); domenica 13 dicembre, invece, per la prima volta nella storia, il dipartimento di fotografia di Artcurial terrà l’asta monografica interamente dedicata a Willy Ronis(1910 – 2009), presentando la collezione riunita dal nipote, Stéphane Kovalsky.
Le arti visive del Novecento sono le protagoniste di questa nuova esposizione che avvolge in un raffinato allestimento le 20 opere, tra dipinti, collage, carte e composizioni scultoree firmate dai più grandi nomi della scena artistica francese del Novecento, che costituiscono la collezione appartenuta a Leymarie, e 22 stampe alla gelatina ai sali d’argento di Ronis, maestro della fotografia sur le vif in bianco e nero, tra i più significativi autori francesi del Secondo Dopoguerra, esponente del movimento definito ‘Ecole Humaniste’ al fianco di Henri Cartier-Bresson, Edouard Boubat e Robert Doisneau.
Jean Leymarie è stato poeta, storico dell’arte, docente universitario molto apprezzato, direttore di importanti istituzioni museali e ha avuto il primato di essere il più giovane curatore museale di Francia quando nel 1950, appena trentunenne, a capo del Museo di Grenoble. La sua lunga carriera costellata di importanti successi scientifici e personali, lo ha portato a stringere delle amicizie profonde con gli artisti dell’epoca: Marc Chagall (1887 – 1985), Alberto (1901 – 1966) e Diego Giacometti (1902 – 1985), Balthus (1908 – 2001), Joan Mirò (1893 – 1983), Serge Poliakoff (1900 – 1969), Zao Wou-Ki (1920 – 2013) e molti altri. Proprio in virtù di questa amicizia, molti artisti nel corso degli anni lo hanno omaggiato con le proprie creazioni, ma Jean Leymarie non è mai stato un collezionista: possedere l’arte non lo interessava.
Il pubblico milanese avrà la possibilità di ammirare da vicino opere che rappresentano un legame sincero, basato sulla stima vivissima esistente tra il loro autore e Jean Leymarie, punto di riferimento critico e istituzionale per gli artisti dell’epoca: dalla composizione del 1950 firmata da Nicolas de Staël ( 1914 – 1955) e stimata 200.000 – 300.000€, alla scultura di Alexander Calder (1898 – 1976) in lamiera, fil di ferro e pittura, datata 1956 – 1957 con base d’asta di 250.000 – 350.000€, passando per Bouquet di Alberto Giacometti, stimata 250.000 – 350.000€, artista quest’ultimo che fece il suo ingresso per la prima volta in una collezione pubblica francese proprio grazie a Leymarie che lo volle tra le sale del Museo di Grenoble.
Il narratore della working class parigina, Willy Ronis, viene per la prima volta rappresentato in maniera tanto esaustiva in una vendita in asta, con circa 160 lotti che includono immagini molto conosciute e scatti poco noti al grande pubblico. Il Dipartimento di Fotografia di Artcurial vanta una solida esperienza nell’organizzazione di vendite monografiche dedicate ai grandi fotografi: nel 2014 era stata la volta di André Kertesz e l’anno successivo di Pierre Molinier con la Collection Emmanuelle Arsan, per questo gli è stato affidato il compito di selezionare le stampe da destinare in asta tra le seimila che Willy Ronis ha lasciato al nipote Stéphane Kovalsky dopo la sua morte.
Le 23 stampe presentate sono tiraggi prodotti tra gli anni Ottanta e Novanta, ma risalgono a scatti realizzati principalmente nell’immediato Secondo Dopoguerra, raccontando la naturalezza della vita comune che scorre tra i quartieri popolari di Parigi. Tra esse emerge senz’altro Nu provençal, immagine del 1949, stimata 3.000 – 4.000€, iconica raffigurazione della moglie, la pittrice Marie-Anne Lansiaux, in un nudo di un’eleganza spontanea che ricorda quasi un’opera di Bonnard e profuma di rustica intimità.
Il pubblico di collezionisti, esperti del settore, amanti dell’arte e non solo, avrà un’occasione speciale di visitare gratuitamente un insieme tanto prezioso, in grado di rappresentare le diverse tendenze pittoriche e la poetica di uno dei massimi rappresentanti della storia della fotografia mondiale attraverso un unico allestimento, specchio fedele di una parte consistente della scena artistica francese del Novecento.
————————————————————–
A PROPOSITO DI ARTCURIAL
Fondata nel 2002, Artcurial ha riaffermato nel 2015 la sua posizione di primo piano sul mercato internazionale.
Con due sedi dedicate alla vendita in asta a Parigi e a Montecarlo, la casa d’aste ha totalizzato un volume di vendite di circa 191M€ nel 2015, raddoppiando il suo giro d’affari in soli 5 anni. Artcurial copre l’insieme di tutti i campi del collezionismo con le sue specialità : le Belle Arti, le Arti Decorative, Automobili da collezione, Gioielleria, Orologeria, Vini e Liquori pregiati…
Con una grande propensione internazionale, Artcurial afferma la sua vicinanza al pubblico, con degli uffici di rappresentanza a Bruxelles, Milano, Monte Carlo, Monaco e Vienna, ma anche a Pechino e Tel Aviv, e organizzando esposizioni biennali a New York. Nel mese di ottobre 2015, Artcurial ha tenuto la sua prima vendita a Hong Kong e in Marocco.
Gioia Sardagna Ferrari dirige la sede italiana di Artcurial. Obiettivo della presenza in Italia è proporre mostre in anteprima delle aste di prestigio di Parigi, promuovere giornate di Expertise gratuite e creare momenti di approfondimento, con incontri e conferenze aperti al pubblico.
www.artcurial.com
(Visited 44 times, 1 visits today)