Paolo Pejrone LE FOGLIE D’AUTUNNO – Electa

invito Pejrone def.

All’inizio dell’autunno, con caparbia robustezza, funghi, foglie e fermenti diventano le
esplicite comparse di un mondo vivace, curioso in continuo divenire…(Paolo Pejrone)

L’autunno è la stagione dell’anno che più di ogni altra regala colori e sfumature
inaspettate. La natura offre un ultimo straordinario spettacolo, prima del freddo invernale,
attraverso i toni caldi e fiammeggianti di alberi e arbusti.
Sono sedici i giardini tra Piemonte, Lombardia, Toscana, Emilia e Lazio, selezionati e
descritti dall’architetto Paolo Pejrone e magistralmente fotografati da Dario Fusaro.

Le foglie di tutti gli aceri, ed in particolare dell’Acer rubrum,quelle delle betulle, quelle dei
Liquidambar e della Parrotia, delle querce e dei sorbi, le rare Stewartie e le foglie preziose
del Cercidiphyllum japonicum possono essere le vere protagoniste di un autunno
strabordante, voluminoso e variopinto. Arbusti come i Berberis, come gli Euonymi, le
Fothergille, certi viburni e molte azalee, insieme alle viti e alle Ampelopsis, si prodigano, in
maniera meno appariscente ma altrettanto violenta, a chiudere il quadro botanico
autunnale. Una vera e vistosa palette

Paolo Pejrone
LE FOGLIE D’AUTUNNO

AUTORE: Paolo Pejrone
FOTOGRAFIE DI: Dario Fusaro
PAGINE: 160
ILLUSTRAZIONI: 120
PREZZO: 29 euro
EDITORE: Electa
IN LIBRERIA: 16 settembre 2014

PAOLO PEJRONE, laureato in Architettura presso il Politecnico di Torino (1969), è stato allievo di
Russell Page e di Roberto Burle Marx. Dal 1970 lavora come architetto di giardini in Italia, Francia,
Svizzera, Arabia Saudita, Grecia, Inghilterra, Germania, Spagna, Belgio e Austria; progetta giardini
soprattutto nel campo privato (diverse centinaia). Ha firmato il progetto e l’esecuzione dell’Orto
della Basilica di Santa Croce in Gerusalemme a Roma. Nel 1988 ha vinto il Concorso
Internazionale “BICOCCA – PIRELLI” a Milano (come progettista delle aree verdi) con Vittorio
Gregotti. Nel 2013 è stato insignito del titolo di “Chevalier de l’Ordre des Art et des Lettres” dal
Ministero della Cultura e Comunicazione di Francia.
Collabora con numerosi periodici: “VilleGiardini”, “La Stampa” (dal 1995), “La Repubblica” e
“Gardenia”. È inoltre autore di numerosi libri: Per un giardino di estro garbato (1982), In giardino
non si è mai soli – Diario di un giardiniere curioso (2002), Il vero giardiniere non si arrende –
Cronache di ordinaria pazienza (2003), I miei giardini (2008), Gli orti felici (2009), La pazienza del
giardiniere (2009), Cronache da un giardino (2010) e In giardino, d’inverno (2013). È vice
Presidente per l’Italia della International Dendrology Society (IDS) per oltre un decennio, fino al
2010; socio fondatore dell’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio (AIAPP); ideatore,
fondatore e Presidente della più prestigiosa mostra-mercato annuale italiana, “Tre giorni per il
Giardino”, al Castello di Masino; fondatore e Presidente dell’Accademia Piemontese del Giardino;
fondatore ed ex Presidente dell’Associazione Amici del Castello di Racconigi; vice Presidente della
Associazione Parchi e Giardini d’Italia, Consigliere nell’ Institut Européen del Jardin et Paysage,
nominato nel 2013, “Chevalier dans l’Ordre des Arts et des Lettres” dal Ministero Francese della
Cultura e della Comunicazione

(Visited 80 times, 1 visits today)