COLLEZIONE DONNA A/I 2014 -2015 PASHMERE

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

 

 

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per la prossima stagione autunno/inverno, PASHMERE propone una collezione per donne metropolitane, dinamiche, attente alle tendenze senza mai eccedere con i dictat del momento, eleganti senza rinunciare ai dettagli glam, che amano vestire capi di gran classe, dalle lavorazioni e materiali di alta qualità.

La collezione A/I creata dal team stilistico interno all’azienda e attentamente coordinato dalla titolare, include una capsule molto particolare, 10 capi tra abiti e cardigan, disegnati dalla giovanissima designer Hannah Maria Schmutterer, che si è aggiudicata uno dei premi più prestigiosi dell’edizione UMBRIA CASHMERE DISTRICT AWARD 2013, presieduta da Brunello Cucinelli.

Con questa collezione PASHMERE ha voluto ispirarsi, come in un sogno ad occhi aperti, a paesaggi invernali innevati e illuminati dal sole e dai suoi bagliori: infatti i materiali scelti rigorosamente in cashmere e cashmere-seta al 100%, vengono abbinati e mixati a fili sottili e luccicanti di lurex, che evocano appunto il riverbero e il luccichio della neve al sole, o ancora “mulinati” a più fili di colore diverso per conferire al capo sfumature uniche.  Il prezioso cashmere white è anche la base per le esclusive tinture naturali hand-made, ottenute grazie a “pozioni” segrete a base di erbe, fiori, bacche e radici, che danno vita a colori sfumati e che suscitano forti emozioni visive, motivo questo di orgoglio e riconoscimento per il brand.

I modelli su cui la collezione verte sono abiti in maglia, decisamente fashion ma femminili e confortevoli, avvolgenti come in un caldo abbraccio, scolli tondi “a Madonna”, colli alti “a vulcano” che indossati formano morbide pieghe, cardigan e stole impalpabili, vere “pashmine” che passano attraverso un anello, tutti creati a mano e rigorosamente MADE IN ITALY.  Grande attenzione ai volumi, anch’essi molto femminili, né troppo slim né over, studiati per vestire donne di ogni provenienza ed età, durevoli nel tempo e aldilà degli eccessi della moda.

La palette colori ancora una volta stupisce: dal panna al perla, mandorla, nero, “tagliati” da tonalità esclusive ed emozionali quali il terra di Siena, il blu inchiostro, il giallo zafferano, sfumate o degradé, ottenute grazie a tinture vegetali eco-friendly.

PASHMERE, un marchio conosciuto nel mondo e apprezzato dall’universo femminile proprio per la grande attenzione e l’ottima qualità riscontrabile in ogni nuova collezione.

 

GALASSIA/PASHMERE CASHMERE: 100% PROUDLY MADE IN ITALY

Una storia di successo italiano lunga mezzo secolo

Nell’Italia degli Anni  ‘60, solcata dalla voglia di rinnovamento e ricostruzione dopo la II^ Guerra Mondiale, c’è un grande fermento e desiderio di innovare, crescere e affermarsi.

In questo contesto nasce nella Regione Umbria e più precisamente a Perugia, la società Galassia , quando l’imprenditore, Barone Carmelo Galatioto Rosso e sua moglie  Mariuccia, nonostante avessero una grande fabbrica di produzione di maglieria intima da uomo e donna nel nord Italia, trovò in Umbria una situazione favorevole alla produzione della maglieria.

Il costo del lavoro in Umbria era notevolmente inferiore a quello in Lombardia e questo permetteva di produrre a prezzi molto competitivi rispetto alla concorrenza del Nord Italia, grazie anche alla presenza di strutture complementari che permettevano la facilitazione della produzione, quali lanifici e filature, tintorie che si occupavano della fase di tintura del prodotto.

Grazie al basso costo del lavoro la produzione di maglieria si orientò verso alcune lane che avevano come peculiarità finale l’economicità del prodotto, quali la lana “Shetland”, “lana Lambswool” oppure l’”Angora”.

Tra la fine degli anni ’60 e gli anni ’70 l’Azienda si consolidò e acquisì quote di mercati italiani e stranieri, sviluppando un prodotto molto competitivo orientato ad una clientela di Grande Distribuzione (Upim in Italia, La Fayette in Francia, Kaufhof in Germania, solo per citarne alcuni).

Nella seconda metà degli anni ’70 il boom economico, grazie all’innalzamento dei  costi di produzione, portò la azienda a cambiare strategia produttiva, sostituendo i materiali con filati più pregiati, quali la “lana Merino extra fine” e filati contenenti fibre di cashere, provenienti dall’Asia. Anche il target di conseguenza divenne più elevato unitamente all’aggiornamento dello stile di prodotto, grazie alla nascita di nuove  menti creative, che proprio in quel periodo iniziavano ad affermarsi nel tessile italiano con il nome di “stilisti”.

Gli anni ’80 furono decisivi per l’azienda e il brand: nuovissime tecnologie, nuove macchine elettroniche per maglieria che permisero all’azienda di fare il salto di qualità e di affermazione, dove il prodotto si spostò rapidamente ad una fascia di consumatori  appartenenti ad un contesto sociale di alto livello; iniziarono infatti i primi accordi di collaborazione in qualità di “façonniers” e di licenze con realtà come Nazareno Gabrielli, Prada ecc.

Il successo e la visibilità del marchio nonché l’incremento dei contratti di licenza esclusiva con gli stilisti, portarono un grande sviluppo all’Azienda che le permisero di attivare contatti con le più importanti realtà commerciali del mondo, dal Far East agli Stati Uniti, agli Emirates e ovviamente a tutta Europa.

Gli anni ’90 segnarono un grande incremento nella domanda di maglieria di cashmere puro, fu pertanto necessario sviluppare una nuova linea esclusiva in cashmere  destinata ad un’area di mercato differente da quella in parte presidiata da altre imprese qualificate del settore.

Nacque quindi il MARCHIO “PASHMERE” che è un acrostico tra la parola Pashmina e il nome della fibra Cashmere! Il logo venne registrato in tutto il mondo,divenendo il core-business dell’Azienda e affrontando nuove sfide a livello mondiale, con innovazioni sempre più accurate sia di prodotto che di processo all’ultima moda, per accontentare sempre più i gusti sofisticati della clientela internazionale.

Oggi l’Azienda è gestita dalla seconda generazione di imprenditori con i coniugi Francesco e Laura Galatioto, quest’ultima a capo dell’ufficio stile; dal 2006 entra nella compagine aziendale il figlio Gabriele che dopo la Laurea in Economia e Commercio consegue un dottorato di ricerca in Internazionalizzazione delle Piccole e Medie Imprese, che lo porta nel 2007 al Quirinale per ricevere dal Presidente Giorgio Napolitano il premio “Corneliani”, premio relativo all’importante lavoro di ricerca e analisi dal tema “ strategie e criticità per il settore moda di fascia alta”.

L’alta artigianalità delle produzioni 100% MADE IN ITALY viene gestita e controllata all’interno dell’azienda, nei due stabilimenti di Perugia e  Torgiano, dove viene effettuata  tutta la produzione, ancora oggi manuale ed artigianale.

Qualità, stile, artigianalità e attenzione per i dettagli sono fin dagli esordi parte del DNA della Famiglia, una garanzia per chiunque desideri un prodotto di eccellenza e classe.

Lo sguardo dell’Azienda, nonostante i notevoli successi, rimane proiettato verso la continua ricerca, pronto a cogliere le nuove sfide internazionali rimanendo però ancorato ai propri valori di qualità riscontrabili in ogni singola creazione.

 

 

(Visited 44 times, 1 visits today)