OPERA LIQUIDA inaugura il TEATRO STABILE IN OPERA con il Festival PROVA A SOLLEVARTI DAL SUOLO in collaborazione con il Teatro della Luna

La Direzione della Casa di Reclusione Milano Opera in collaborazione con l’Associazione Opera 
Liquida, apre alla popolazione civile la sala da 350 posti del carcere. 
Il primo evento dello Stabile in Opera è il Festival ‘’Prova a sollevarti dal suolo’’, in collaborazione 
con il Teatro della Luna, che sposta la terza edizione del Festival “Sul Palcoscenico’’ all’interno della 
Casa di Reclusione. 
 
L’essenza umana nelle sue più profonde sfaccettature è il tema conduttore del Festival, i cui spettacoli 
ci accompagneranno in luoghi, vissuti e sguardi spesso distanti da noi e allo stesso tempo 
incredibilmente vicini. 
 
Il Festival si apre giovedì 15 maggio con lo spettacolo ‘’Potevo essere io’’ di Renata Ciaravino, con 
l’interpretazione di Arianna Scommegna; il 22 maggio si prosegue con ‘’ I.P, identità precarie’’ di 
ilinx teatro con la drammaturgia della giovanissima Amanda Spernicelli. Il 29 maggio sarà la volta 
della compagnia Eco di Fondo con ‘’Nato Ieri’’ per la regia di Giacomo Ferrau. I tre spettacoli 
verranno presentati all’interno del carcere. 
 
Il Festival si concluderà invece presso i Frigoriferi Milanesi, con la produzione di Opera Liquida 
‘’Ma i sogni li ho presi?’’ di Roger Mazzaro, attore ex detenuto che sarà in scena con MariaRosa 
Criniti per la regia e la drammaturgia di Ivana Trettel e le narrazioni video della Milano Scuola di 
Cinema e Televisione, che ha iniziato quest’anno la collaborazione con la compagnia. 
Continua poi la collaborazione con Naba Design che si è occupata di realizzare l’ immagine coordinata 
dell’Associazione e del Festival. 
15 MAGGIO ore 21 
 
POTEVO ESSERE IO 
Compagnia Teatrale Dionisi 
presso I Casa di Reclusione Milano Opera 
di Renata Ciaravino 
con Arianna Scommegna 
supervisione registica Serena Sinigaglia 
 
Uno spettacolo dedicato ai bambini che siamo stati e non smetteremo mai di essere, uno 
spettacolo dedicato a chi è sopravvissuto all’infanzia e della cui sacralità ha saputo ben 
poco. I bambini coi genitori terroni che giocavano in cortile a lanciarsi palloncini con dentro 
le lamette, le mamme che facevano le pulizie negli ospedali, i piedi impigliati in scarpe da 
tennis con la punta tagliata che diventavano sandali da tennis, per risparmiare. I ragazzi 
che al parco si sputavano in faccia, dopo essersi tirati i capelli in una piscina comunale, 
che facevano la tangenziale contromano per scommessa, che facevano l’amore nei 
parcheggi vuoti dei supermercati. Quei bambini e ragazzi poi sono cresciuti: ognuno a 
procedere alla cieca cercando di salvarsi. Ma cosa fa sì che ci salviamo? E se uno si 
salva, veramente si è salvato? Cosa ci fa andare da una parte o dall’altra? Quante volte 
abbiamo detto: “Potevo essere io, e invece, poi, no”. Potevo essere io è il racconto di una 
bambina e un bambino che diventano grandi partendo dallo stesso cortile. Due partenze, 
stessi presupposti. Ma finali diversi. E in mezzo la vita. 
 
 
 
22 MAGGIO ore 21 
 
 I.P IDENTITA’ PRECARIE 
ilinx teatro 
presso I Casa di Reclusione Milano Opera 
Regia Nicolas Ceruti 
Drammaturgia Amanda Spernicelli 
Con MariaRosa Criniti, Giulia Lombezzi, Luca Marchiori 
"non sono niente. non sarò mai niente. non posso volere d'esser niente. A parte questo, 
ho in me tutti i sogni del mondo". dal “Libro delle Inquietudini” di Bernardo 
Soares/Fernando Pessoa 
Chi siamo? L’identità di chi e che cosa? Scopriamo l’identità in ciò che facciamo per poi 
dare sostanza a ciò che siamo. Cambiamo il nostro essere con la stessa velocità e 
leggerezza con cui cambiamo l’abito, per poi smarrirlo in una di quelle strade che 
percorriamo per riscoprirci. Tre attori fluiscono sulla scena, seguendo un immaginario 
reticolo che li costringe a cambiare continuamente direzione, come chiusi in gabbia, in un 
appartamento, nel privato, nella mente…. Si trasformano di volta in volta e con loro 
cambia la scena. Il filo rosso che ci conduce attraverso i diversi quadri è la figura 
dell’Hikikomori, giovane autorecluso nella propria stanza che osserva il mondo tramite il 
filtro di uno schermo. Inondati di notizie, di urla, di rumore; come possiamo anche solo per 
un attimo fermarci ad ascoltare, ad ascoltarci? Carnefici e vittime di un “tutto pieno” che ci 
auto-reclude. Quando anche la luce dell’Hikikomori si spegne, rimane solo una voce. La 
voce di una madre che torna a risuonare. Una volta che siamo rimasti soli col nostro 
vuoto, esiste ancora la speranza che qualcuno ci riconosca o ci chiami? 
 
 
 
 
 
29 MAGGIO ore 21 
 
NATO IERI 
Compagnia Eco di Fondo 
presso I Casa di Reclusione Milano Opera 
Regia Giacomo Ferrau 
Drammaturgia Giacomo Ferrau, Giulia Viana 
Con Andrea Pinna, Libero Stelluti e Giulia Viana 
 
Nato ieri è la storia di un bambino, Mino, che nasce ed ha già 42 anni. La sua mamma e il 
suo papà non sanno come prendersi cura di lui e decidono di lasciarlo all’orfanotrofio, 
dove una suora, scambiandolo per un genitore, gli affida un bambino rom di 10 anni, 
Lucignolo. Mino e Lucignolo dovranno vivere insieme, l’uno non potrà stare senza l’altro, 
ognuno imparando attraverso gli occhi del suo compagno, la ricchezza e l’unicità della 
propria età, della propria esistenza. 
Nato ieri nasce da una nostra riflessione su una condizione di spaesamento, di 
inadeguatezza rispetto a una realtà che non lascia spazio allo spirito del bambino, e che 
costringe ad una crescita troppo rapida, negando la dimensione della scoperta, del 
candore, dell’innocenza che permette il gioco, che permette di emozionarsi. 
Lo spettacolo è stato ospitato al Festival Segnali 2013 ed è stato finalista al Premio 
Scenario Infanzia 2012. 
4 e 5 GIUGNO ore 21 
 
Ma i sogni li ho presi? 
PRIMA NAZIONALE 
Opera Liquida 
presso Frigoriferi Milanesi 
di Roger Mazzaro 
Regia e drammaturgia Ivana Trettel 
Con MariaRosa Criniti e Roger Mazzaro 
Scenografie Bettina Colombo 
Narrazioni video Milano Scuola di Cinema e Televisione 
 
E’ la storia di un ragazzo di buona famiglia, scappato di casa a 16 anni e vissuto tra strada 
e galera fino all’incontro con il teatro, che lo ha portato dritto dritto fino al palco dei 
Frigoriferi Milanesi. E’ qui che si raggiunge il cuore della vicenda di Roger interpretando i 
suoi nodi drammatici e ironici in chiave poetica. Lo spettacolo è tratto dall’autobiografia di 
Roger, cominciata a scrivere durante la carcerazione e ormai pronta alle stampe. 
Procede, come lo spettacolo, per salti emotivi, narrazione e flash back in cui Roger 
ripercorre la sua vita dall’infanzia, attraversando la violenza, la crew 16K (gruppo di writers 
e rappers della Barona – Milano), l’amore, la delinquenza, lo sport, e le continue 
carcerazioni, per arrivare a raccontare quali sono stati i processi emotivi che lo hanno 
portato, alla soglia dei 40 anni, ad appropriarsi della propria vita grazie alla fiducia in sé 
stesso e alla consapevolezza che il cambiamento è possibile, seppur tra mille difficoltà. 
Compagnia Dionisi 
Con un’ardita licenza etimologica, “Dionisi” vuol dire “che appartengono a Dioniso”. Che 
da lui, questi artisti hanno assunto l’amore per l’ebbrezza che tracima nella follia, la ricerca 
del contatto fisico ed emozionale con lo spettatore, la ricerca di uno sguardo panico, 
erotico e guerriero. La Compagnia Dionisi è costantemente ispirata dalla danza inferma di 
Danio Manfredini, l’apocalisse scenica di Pippo Delbono e Antonio Rezza, dai testi frontali 
di Bill Hicks, dagli epigrammi immortali di Allen Ginsberg, dalla luce rivelatrice di Ingmar 
Bergman e da quella degli Smiths. Drammaturgia contemporanea, cabaret esistenziale, 
musica, video, stand up comedy, alla ricerca di quel punto in cui il linguaggio del teatro si 
sovrappone, fondendosi, al linguaggio del rock’n’roll. Premio Great; premio Nex(t)work; 
premio Enriquez; premio Nuove Sensibilità ; menzione speciale Premio Dante Cappelletti; 
menzione speciale Biennale Giovani Artisti del Mediterraneo. 
La Compagnia Dionisi è ed è stata sostenuta da: Fondazione Cariplo, Comune di Milano, 
Regione Lombardia, Provincia di Milano, Camera di Commercio di Milano, Comune di 
Sesto San Giovanni. E da: Arci Milano, Teatro Stabile della Sardegna, Tieffeteatro, 
Fondazione Città di Gallarate, Comune di Jerago con Orago, E.t.i., Outis (Centro 
Nazionale di Drammaturgia), Festival Mix, Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi”, 
Civica scuola di Cinema e Nuovi Media. 
 
www.compagniadionisi.it 
 
ilinx teatro 
ilinx dal greco vortice, vertigine, turbine. ilinx nasce nel 1999 e si costituisce come 
associazione culturale nel 2001, configurandosi come realtà prettamente teatrale, che 
tuttavia sceglie di vedere nel teatro uno strumento piuttosto che un fine cui tendere. Si 
definisce, infatti, come contenitore, recipiente di esperienze e progetti in cui l’espressione 
artistica, teatrale e formativa, possa trovare un luogo in cui tramutarsi da necessità 
personale a strumento di espressione e contaminazione collettiva. 
Dal 2009 la compagnia ilinx è anche ilinxarium – residenza teatrale della Fondazione 
Cariplo realizzata in collaborazione con il Comune di Inzago, fa parte dell’Associazione 
ETRE e del circuito Luoghi Comuni. 
L’attività dell’associazione si distingue in due filoni principali e paralleli: l’allestimento di 
spettacoli originali e la dimensione formativa. Dal 2009 ilinx organizza Tagadà – movimenti 
teatrali ultraterreni, una fiera del teatro, rassegna teatrale in colaborazione con i comuni di 
Melzo, Cassano d’Adda, Treviglio, Inzago. Dal 2009, Tagad’Off, rassegna di compagnie 
emergenti, operanti nella regione Lombardia. 
 
www.ilinx.org
 
Eco di fondo 
Milano nel 2007. Quell'anno vincono con Stefania Monaco progetto Fetus, Aia 
Taumastica, con Il più bel giorno della mia vita. Nel 2009 si costituiscono come 
Associazione culturale Eco di fondo. Nel 2010 la compagnia vince il bando Schegge con 
lo spettacolo I Candidi; il bando Presenze.2 indetto dal Teatro Filodrammatici di Milano; 
Giacomo Ferraù si aggiudica il Primo premio nazionale e internazionale di regia Fantasio 
Piccoli 2010 con una versione di Sogno di una notte di mezza estate, spettacolo che 
debutterà nel 2014 con il titolo Sogni in scena Andrea Pinna, Valentina Scuderi e Giulia 
Viana. Nel 2011 debuttano con Coppia aperta, quasi spalancata, regia Giacomo Ferraù 
con Andrea Pinna e Giulia Viana. Nel 2012 la compagnia debutta con Le rotaie della 
memoria, regia Giacomo Ferraù, con Giulia Viana. Sempre nel 2012 sono in finale a 
Premio Scenario infanzia con Nato ieri, scritto da Giulia Viana e Giacomo Ferraù. Nel 
2013 iniziano il progetto triennale R-existir/atti per una cultura comunitaria con il Teatro 
Verdi di Milano, Terzo Paesaggio e Odemà. Nel 2014 debuttano con Orfeo ed Euridice 
testo e regia di César Brie, in scena Giacomo Ferraù e Giulia Viana, produzione Teatro 
Presente / Eco di fondo. 
 
www.ecodifondo.blogspot.com 
 
Opera Liquida 
Nella sua citazione alla vita liquida del sociologo Baumann, Opera Liquida, 
ha la pretesa di trasformare la “liquidità” da dato negativo o caratteristica 
“faticosa” della vita contemporanea, a valore importante. 
All’interno di un’istituzione totale come il carcere, dove le mura e i cancelli 
delineano perfettamente i confini e le barriere, la liquidità di un’opera assume 
una caratteristica assoluta di libertà. Perché la creatività è duttile,non conosce frontiere né 
barriere, non si ferma davanti a serrature. Il liquido le attraversa. 
Attiva dal 2008 nella Casa di Reclusione e fondata nel 2009, sotto la direzione di Ivana 
Trettel ha prodotto diversi spettacoli originali in collaborazione con Naba, Nuova 
Accademia di Belle Arti, per la realizzazione di costumi e scenografie. 
Memorabili le uscite della compagnia di attori reclusi, nel 2009 “I luoghi dell’altro” sul 
Naviglio grande a chiusura della manifestazione “Estate sui Navigli”, nel 2012 “Le 
meccaniche dell’anima” al Carroponte di Sesto San Giovanni davanti a un pubblico di 
1200 persone. Grazie al sostegno di Fondazione Cariplo l’associazione inaugura lo Stabile 
in Opera 
La maturazione e l’evoluzione degli attori ex detenuti (Roger Mazzaro, Alfonso Carlino, 
Mone Karilla, Vittorio Mantovani) pone le basi per la costituzione di una compagnia 
esterna e vede l’Associazione impegnata anche in produzioni al di fuori del carcere. 
 
www.operaliquida.it
 
OPERA LIQUIDA 
Opera Liquida associazione e compagnia teatrale, lavora dal 2009 nella Casa di Reclusione Milano Opera 
con i detenuti ‘’comuni’’. 
Nella sua evidente citazione alla vita liquida, alla società liquida del sociologo Baumann, ha la pretesa di 
trasformare la “liquidità” da dato negativo o comunque da caratteristica “faticosa” della vita 
contemporanea, a valore importante. All’interno di un’istituzione totale come il carcere, dove le mura e i 
cancelli delineano perfettamente i confini e le barriere, la liquidità di un’opera assume una caratteristica 
assoluta di libertà. Perché la creatività è duttile, non conosce frontiere né barriere, non si ferma davanti a 
serrature. Il liquido le attraversa. Attiva dal 2008 nella Casa di Reclusione e fondata nel 2009, sotto la 
direzione di Ivana Trettel ha prodotto diversi spettacoli originali in collaborazione con Naba, Nuova 
Accademia di Belle Arti, per la realizzazione di costumi e scenografie. 
Memorabili le uscite della compagnia di attori reclusi, nel 2009 “I luoghi dell’altro” sul Naviglio grande a 
chiusura della manifestazione “Estate sui Navigli” e nel 2012 “Le meccaniche dell’anima” al Carroponte di 
Sesto San Giovanni davanti a un pubblico di 1200 persone. Grazie al sostegno di Fondazione Cariplo 
l’associazione inaugura lo Stabile in Opera, il teatro della Casa di Reclusione 
La maturazione e l’evoluzione degli attori ex detenuti (Roger Mazzaro, Alfonso Carlino, Mone Karilla, 
Vittorio Mantovani) pone le basi per la costituzione di una compagnia esterna e vede l’Associazione 
impegnata anche in produzioni al di fuori del carcere come “Ma i sogni li ho presi?” di Roger Mazzaro che 
chiude il Festival “Prova a sollevarti dal suolo” . 
 
TEATRO STABILE IN OPERA 
Opera Liquida, vede nella realizzazione dello Stabile In Opera, nella creazione di un ponte saldo tra il dentro 
e il fuori, la naturale evoluzione della sua attività, nonché l’unica strada percorribile perché il suo lavoro 
all’interno dell’Istituzione totale possa affrancarsi sul territorio. E’ previsto un altro Festival a novembre di 
compagnie di Teatro carcere provenienti da altri Istituti. Il carcere, è un luogo rimosso dalla coscienza 
collettiva. Viene vissuto esclusivamente come luogo di pena. Senza considerare che il detenuto è un costo 
sociale e il recidivo ancora di più. Crediamo che le azioni volte al reinserimento di persone che hanno 
scontato la propria pena non possano essere viste come atti di buonismo ma come prese in carico reali 
della società, per l’abbattimento di costi e il contenimento di piaghe sociali impattanti per tutti. 
 
STAI ALL’OCCHIO! 
Il progetto agisce per la prevenzione di comportamenti a rischio e la diffusione del concetto di legalità tra i 
giovani. A partire dall’esperienza di Opera Liquida, l’intervento porta a diretto contatto con i giovani le 
problematiche e l’esperienza di attori ex detenuti e detenuti in permesso, in questo caso parte attiva del 
processo, veri e propri tutor, che grazie alla rielaborazione emotiva svolta nel laboratorio teatrale in carcere, 
portano la loro testimonianza di presa di coscienza del valore intrinseco della vita propria e altrui e 
pertanto dell’innesco di un cambiamento che li attraversa, nel tentativo di reinserirsi, confrontandosi su 
temi riguardanti la complessità umana ed emotiva. L’incontro può avvenire in carcere o nelle scuole e 
prevede performance e monologhi. 
 
Opera Liquida è stata ed è sostenuta da: Fondazione Cariplo, Regione Lombardia, Comune di Milano, 
Sistema Bibliotecario Milano Est. 
 
Ha collaborato in questi anni con Naba Fashion Design, Naba Design, Milano Scuola di Cinema e 
Televisione, Teatro della Luna, Frigoriferi Milanesi. 
La “Civica” Scuola di Cinema è un luogo di formazione, produzione e scambio di conoscenze 
nel’ambito dell’audiovisivo, fortemente orientata a sviluppare le inclinazioni, il talento e le 
abilità degli allievi attraverso i corsi e workshop con realtà produttive italiane e estere. 
I corsi sono progettati e condotti da un nucleo di docenti storici, al quale si aggiungono decine 
di collaboratori esterni che garantiscono un costante contatto con il mondo lavorativo 
professionale e artistico. Essi prestano particolare attenzione alle dinamiche di gruppo, con 
l’obiettivo di trasformare i rapporti interpersonali in relazioni sociali, imprescindibili per un 
buon inserimento nel mondo del lavoro dell’audiovisivo. 
Gli studenti studiano e operano in contesti creativo/produttivi che simulano la realtà 
lavorativa; lo studente partecipa in team, con i compagni, alla realizzazione di fiction, format 
televisivi, prodotti multimediali, documentari e inchieste . 
L’alto tasso di occupazione dei diplomati (l’83% nel settore audiovisivo, 2010,Format – 
attualmente in corso una nuova indagine 2014) è anche il risultato della promozione di tirocini 
e di una attenta politica di accompagnamento al lavoro che la Scuola attua attraverso una rete 
consolidata di relazioni. Durante l’anno scolastico si organizzano incontri con personalità 
affermate del mondo della cultura, delle arti audiovisive, dello spettacolo e della 
comunicazione 
La Scuola favorisce inoltre produzioni extra-curriculari, pensate in convenzione con organismi 
esterni o realizzate in autonomia dagli studenti, organizza summerschool e promuove corsi di 
formazione continua (Videogiornalismo per l’Odg, insegnamenti alle docenze con Agiscuola, 
Miur). 
Tra i diplomati di Milano Scuola di Cinema e Televisione degli ultimi dieci anni: la scrittrice e 
giornalista Benedetta Tobagi, la regista Marina Spada (Come l'ombra, Il mio domani), il 
regista Michelangelo Frammartino (Il Dono, Le Quattro Volte), la montatrice Carlotta Cristiani, 
i tecnici del suono Paolo Benvenuti e Simone Oliviero (Ciak d'Oro per Le Quattro Volte, 
2009), Tommaso Gallone (assistente montatore de Il Divo) e tanti altri. 
La Scuola è membro attivo del CILECT, l’associazione mondiale delle scuole e università di 
cinema e televisione. 
Il direttore della Scuola è Laura Zagordi 
 
::::::::::::::::::::::::::::::::::::: 
 
La Scuola con Opera Liquida 
Gli studenti di Milano Scuola di Cinema e Televisione hanno lavorato 
all’ideazione dei contributi video della pièce Ma i sogni li ho presi? ,in stretta 
collaborazione con l’autore Roger Mazzaro e la regista teatrale Ivana Trettel. Il 
risultato è una suggestione di immagine e suono che amplifica il contenuto 
narrativo e ne diventa parte integrante, oltre ad avere funzione di allestimento 
scenico. Il progetto è stato seguito dai docenti Giuseppe Baresi e Fabio 
Cherstich, hanno partecipato gli allievi del corso Multimedia e dei corsi delle 
vari discipline in fase produttiva. 
 

(Visited 32 times, 1 visits today)