II Edizione del Premio 6ARTISTA.ADELITA HUSNI-BEY / ELISA STRINNA

MACRO

Via Nizza 138, Roma

Piano Terra

 dal 25 novembre 2011 al 29 gennaio 2012

 a cura di Vincenzo de Bellis

Giovedì 24 novembre si è inaugurata presso il MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma la mostra di Adelita Husni-Bey ed Elisa Strinna, vincitrici della seconda edizione di 6ARTISTA, il Premio – concepito dall’Associazione Civita e dalla Fondazione Pastificio Cerere e con il sostegno di Allianz – per supportare la crescita professionale di promettenti talenti under 30 che vivono in Italia.

 

Con questo evento si riconfermano l’attenzione del Museo verso le nuove generazioni di artisti e il sodalizio fra MACRO, Civita e Fondazione Pastificio Cerere, realtà fortemente impegnate nella divulgazione e promozione dell’arte contemporanea.

 

6ARTISTA, la cui prima edizione si è svolta nel 2009, rappresenta un’opportunità sempre più importante per i giovani vincitori, ai quali viene offerto un percorso formativo di alto livello culturale. Adelita Husni-Bey ed Elisa Strinna hanno infatti trascorso un periodo di residenza di sei mesi a Roma presso la Fondazione Pastificio Cerere, punto di riferimento fin dagli anni Settanta della sperimentazione artistica, e altri tre mesi presso la Cité Internationale des Arts di Parigi, grazie alla collaborazione degli Incontri Internazionali di Roma. L’obiettivo è quello di favorire il confronto con diversi linguaggi, idee e tecniche, affinché i giovani individuati possano approfondire e caratterizzare la propria poetica.

 

La mostra al MACRO, curata da Vincenzo de Bellis – curator in residence della Fondazione Pastificio Cerere per il 2011 – è aperta al pubblico fino al 29 gennaio 2012 e presenta quattro lavori delle due artiste realizzati appositamente per l’occasione.

 

Partendo dall’analisi specifica di un luogo ben caratterizzato come il mercato dell’Esquilino di Roma, Elisa Strinna ha strutturato una riflessione sull’identità culturale e sul rapporto che l’uomo contemporaneo intrattiene con il dato naturale. Ripercorrendo la storia del genere artistico noto come “natura morta”, l’artista ha creato un parallelismo tra frutta e opera d’arte, entrambe fonti di nutrimento e merci di scambio, rivisitando in chiave contemporanea alcune forme espressive proprie della nostra tradizione culturale.

L’opera Variazioni su Canestra di Frutta si compone di tre riproduzioni della natura morta realizzata da Caravaggio (64×46 cm) alle quali sono state aggiunte o sostituite le immagini di oggetti inanimati emblematici della nostra contemporaneità.

 

 

La seconda opera in mostra consiste in un breve film, dal titolo La ragazza mela, con il quale Elisa Strinna rende nuovamente attuale l’omonima fiaba, trascritta e raccolta da Italo Calvino nelle sue Fiabe Italiane. Anche in questo caso la frutta diventa il ricettacolo, il feticcio attraverso cui esplorare pulsioni e atteggiamenti che l’uomo instaura nella contemporaneità con il dato naturale e l’opera d’arte.

 

Adelita Husni-Bey presenta A Holiday From Rules, un lavoro nato dal suo interesse per la pedagogia radicale e per il modo in cui questa educazione possa porre le basi di una società alternativa a quella che conosciamo. Il progetto è composto da due opere distinte, ispirate in gran parte a movimenti anarchici e all’esperienza dell’Escuela Moderna, fondata dal libero pensatore Fancisc Ferrer y Guardia nel 1901 a Barcellona.

L’installazione I want the sun I want comprende un film in 16mm, riversato su DVD, in piano sequenza di nove minuti realizzato in una scuola di Parigi senza muri interni. L’audio di questo lavoro è costituito da una serie di dibattiti organizzati dall’artista al L.A.P. (Liceo Autogestito di Parigi) tra insegnanti e alunni sul tema dell’educazione, mettendo in discussione la necessità dell’insegnamento e le sue metodologie odierne. Postcards from the desert island è invece un’installazione composta da elementi creati con gli alunni dell’École Vitruve durante un workshop di tre settimane, nel quale i bambini hanno costruito una sorta di isola deserta nel salone della scuola, immaginando di viverci insieme: questa esperienza li ha portati a interrogarsi su pratiche di vita collettiva e a confrontarsi con la pratica dell’anarco-collettivismo.

 

La mostra è accompagnata da due cataloghi monografici a cura Vincenzo de Bellis, editi e distribuiti da Mousse Publishing.

 

AdelitaHusni-Bey è un’artista e ricercatrice Italo-Libica nata nel 1985. Ha conseguito gli studi presso il Chelsea College of Art & Design, BA Fine ArtsHons (2003-2007) e la Goldsmiths University, Masters in Sociology and Urban Cultures (2009-2010). La sua ricerca si basa su temi quali l'autonomia, le micro-utopie, la territorialità e la proprietà, la memoria collettiva, (la creazione del) dissenso e controllo, la pedagogia anarchica e le freeschool. È attualmente in residenza presso il Pastificio Cerere di Roma, dopo aver ottenuto il premio per giovani artisti 6ARTISTA. Mostre passate includono: 100 di 50, a cura di Marco Scotini e Giacinto Di Pietrantonio, NABA, Milano; American Mountains, Nunnery, Londra; Posso Errare ma non di Core', a cura di Andrea Bruciati, Galleria Civica di Monfalcone. Adelita ha inoltre partecipato al XVI corso di Arti Visive presso la Fondazione Ratti, ha ricevuto la sponsorship del BritishCouncil, vinto l'ultima edizione del premio Euromobil per artisti sotto i 30 anni, e ha recentemente vinto finanziamenti tramite il fondo Movin up, per la mobilità dei giovani artisti. 

 

Elisa Strinna nasce a Padova nel 1982. Dopo essersi diplomata all’Accademia di Belle Arti di Bologna frequenta il biennio specialistico in Arti Visive allo IUAV di Venezia. Nella sua ricerca investiga temi quali il rapporto tra l'uomo ed il dato naturale, il ruolo dell'opera d'arte nella società attuale, le dinamiche culturali che vengono a generarsi attraverso lo spostamento transnazionale di beni e persone. Nel 2010/2011 risulta una delle vincitrici del premio 6ARTISTA presso il Pastificio Cerere. Tra le altre residenze di cui è stata beneficiaria troviamo gli studi d’artista alla Fondazione Bevilaqua la Masa di Venezia tra il 2008/2009. Nel 2010 partecipa al Corso Superiore di Arti Visive alla Fondazione Ratti di Como con l’artista Hans Haacke come visiting professor. Nel 2009 partecipa al workshop dell’artista Peter Friedl alla Fondazione Spinola Banna per l’arte. Le mostre passate includono: GIVE&TAKE, a cura di Anna Daneri e Cesare Pietroiusti, Viafarini e DOCVA, Milano; CAMERE XI, Elusive, a cura di Jimmie Durham, RAM, Radioartemobile, Roma; OPERA 2009, a cura di Mara Ambrozic e Stefano Coletto, Viafarini, Milano; EPPUR SI MUOVE, a cura di Inti Guerrero, Pieternel Vermoortel, Julia Klaring, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino; Iuav al MAXXI, a cura di Angela Vettese e Cornelia Lauf, MAXXI, Roma.

 

 

La mostra 6ARTISTA: Adelita Husni-Bey/Elisa Strinna” è promossa da Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali

 

Informazioni sul premio 6ARTISTA su www.6artista.it  ; info: 6artista@civita.it; T. +39 06 692050282

 

MACRO

Via Nizza 138, Roma – www.macro.roma.museum

 

Aperto da martedì a domenica dalle 11 alle 22    

 

Biglietto: intero: € 11,00 – ridotto: € 9,00

(Visited 15 times, 1 visits today)