APERITIVO IN CONCERTO AL TEATRO MANZONI DI MILANO

APERITIVO IN CONCERTO

Stagione 2011-2012

Presentazione

 Venerdì 21 ottobre 2011, ore 11.30

Via Paleocapa, 3 Milano

Partecipano all’incontro:

 

Fedele ConfalonieriPresidente Mediaset

Stefano BoeriAssessore Cultura Comune di Milano

Olivier MornetAmministratore Delegato Peugeot Italia

Stefano PiastrelliDirettore Comunicazione 3 Italia

Gianni M. GualbertoDirettore Artistico

 e

Andrée Ruth Shammah, Direttore Artistico Teatro Franco Parenti

————————–

dal 6 novembre 2011 al 25 marzo 2012, 15 concerti con i migliori artisti della scena musicale internazionale

Teatro Manzoni

Via Manzoni, 42 Milano 

La XXVII edizione di Aperitivo in Concerto  costituisce un nuovo appassionante capitolo di un lungo viaggio in più tappe attraverso le nuove creatività musicali nel mondo: 15 concerti con i protagonisti principali della scena musicale internazionale in un ricco calendario tra commistioni e contaminazioni culturali, fra tradizioni musicali diverse, anche geograficamente ed etnicamente, e quasi tutte extra-europee: musica jazz, klezmer, blues, dub, flamenco, avanguardia  ed elettronica con oltre 120 artisti coinvolti, 1 prima assoluta, 3 prime europee. Una intensa, emozionante e innovativa stagione di musica in programma dal 6 novembre 2011 al 25 marzo 2012 al Teatro Manzoni di Milano.

Il concerto di inaugurazione (6 novembre) � affidato al grande contrabbassista Dave Holland con uno strepitoso gruppo ispano-gitano di flamenco, guidato dal celebre chitarrista Pepe HabichuelaFra novembre e dicembre tengono banco, invece, il Medio Oriente e le sue tradizioni, in modo particolare quella ebraica, vero e proprio ponte fra Occidente, Est europeo e mondo arabo, ospite il celebre percussionista brasiliano Cyro Baptista (13 novembre), gi� collaboratore di Ivan Lins, Milton Nascimento e Caetano Veloso, con il suo acclamato gruppo Banquet of the Spirits, interpreta Caym, nuova serie di composizioni di John Zorn. Avishai Cohen (20 novembre), giovane e gi� affermato contrabbassista emerso come supremo e fantasioso virtuoso nei gruppi di Chick Corea, conduce nel complesso coacervo della cultura musicale ebraica fra Medio Oriente e mondo andaluso.

L�acclamato gruppo klezmer dei Klezmatics (4 dicembre), di cui peraltro fanno parte eccellenti improvvisatori come il trombettista Frank London e il clarinettista Matt Darriau (ambedue gi� applauditi nelle scorse stagioni di �Aperitivo in Concerto�), ospita il cantante gospel Joshua Nelson in un concerto in cui la tradizione popolare afroamericana e quell�ebraica di origine yiddish celebrano la loro diversa spiritualit�. Conclude questo percorso attraverso le nuove musiche delle antiche culture del vicino Oriente l�apprezzato gruppo guidato dal contrabbassista Omer Avital (11 dicembre), beniamino della scena musicale newyorkese, che da lungo tempo esplora le sue radici di improvvisatore di origini marocchine e yemenite.

Il 2012 inizia per �Aperitivo in Concerto� all�insegna di un ulteriore, diverso percorso innovativo, l�incontro (15 gennaio) fra il mitico sassofonista Pharoah Sanders e un gruppo di musicisti brasiliani e americani da tempo dediti, sotto la guida del trombettista Rob Mazurek, alla commistione fra mondo acustico e elettronica: una prima europea che permetter� di ascoltare il grande discepolo di John Coltrane in un contesto desueto e di liberissima creativit�. Ancora pi� lontano ci porta invece il sassofonista Michael Blake (22 gennaio) (collaborazioni con Enrico Rava, Ben Allison, i Lounge Lizards), a capo di un gruppo che comprende alcuni fra i pi� affermati protagonisti della scena musicale di New York, rievoca poeticamente i ricordi di un suo lungo viaggio nel Vietnam, una volta conclusasi la guerra con gli Stati Uniti: le incantatorie e sofisticate melodie orientali indossano nuove vesti, assumono nuovi significati e continuano a riportarci ad uno dei grandi drammi del XX secolo ma con lo sguardo fisso al futuro.

Torna poi a Milano il geniale sassofonista e compositore David Murray (29 gennaio) a capo di una straordinaria big band composta da musicisti di rango come il trombonista Craig Harris, il baritonista Alex Harding o il contrabbassista Jaribu Shahid, e l�originalissimo e trascinante chitarrista James Blood Ulmer, gi� conosciuto per le sue collaborazioni con un leggendario musicista e suo mentore come Ornette Coleman.

Il contrabbassista William Parker (5 febbraio) rilegge creazioni musicali indimenticabili di uno fra gli assoluti geni del XX secolo, Duke Ellington, con la partecipazione, di artisti come i trombettisti Lewis Barnes e Roy Campbell, il batterista Hamid Drake, il pianista Dave Burrell e, soprattutto, il sassofonista Kidd Jordan, uno dei grandi padri della musica di New Orleans.

Ancora alla tradizione jazzistica e al suo rapporto con la cultura afroamericana sono dedicati il concerto di un eccezionale, spettacolare e modernissimo gruppo di alfieri dello hard bop The Cookers  (19 febbraio) e quello di uno fra i pi� interessanti e creativi pianisti sulla scena di oggi, Bill Carrothers con il contrabbassista Drew Gress e lo straordinario batterista Bill Stewart, proporr� un omaggio ad un�altra leggendaria figura della cultura afroamericana, il trombettista Clifford Brown (26 febbraio). In prima assoluta, il batterista Louis Moholo, fra i grandi protagonisti africani della scena musicale inglese, a capo di un complesso di altissimo valore, rende omaggio ai Blue Notes, allo storico gruppo di una indimenticabile generazione di musicisti sudafricani trapiantati in Inghilterra (dal compianto Mongezi Feza a Dudu Pukwana, da Chris McGregor a Johnny Dyani) di cui lo stesso Moholo � oggi l�unico, glorioso sopravvissuto (4 marzo).

Ancora l�Africa (11 marzo) protagonista, grazie alla celebrata cantante etiope Gigi (Ejigayehu Shibabaw), che si presenta, in un�unica, preziosa data italiana, con Material, gruppo guidato dal geniale e acclamato bassista Bill Laswell, produttore, nei pi� svariati campi, dall�avanguardia al punk all�ambient al dub.

Prima esibizione europea (18 marzo) della Asian-American Orchestra, un complesso strumentale che, nato a San Francisco, raccoglie sotto la sua egida solo ed esclusivamente musicisti americani e afroamericani d�origine asiatica. Nel suo primo concerto in Europa, l�orchestra, guidata da uno studioso di tradizioni extra-europee come il batterista Anthony Brown, esplorer� l�influenza delle culture indiana ed africana nella musica di John Coltrane.

La stagione 2011-2012 di �Aperitivo in Concerto� si conclude (15 marzo) con il concerto di Abraham Inc. straordinaria formazione che mette insieme un virtuoso del clarinetto come David Krakauer, un genio anarchico come il DJ SoCalled, il rapper americano C-Rayz Walz e un maestro del trombone funky come Fred Wesley (a lungo fra i musicisti prediletti da James Brown) per uno spettacolo in cui il canto mistico degli ebrei dei ghetti dell�Est europeo e la forza e l�energia liberatrici della soul music pi� autenticamente afroamericana si fondono in una sorta di travolgente festa catartica. Come giustamente si addice ad un Gran Finale.

La rassegna �Aperitivo in Concerto� � prodotta e organizzata al Teatro Manzoni di Milano da Mediaset e Publitalia �80, in collaborazione con Peugeot Italia e 3 Italia. Da anni la manifestazione, caso raro in Italia di completa sponsorizzazione privata, si � impegnata a documentare i molteplici sviluppi della contemporaneit� musicale nelle varie forme e commistioni che costantemente scaturiscono ed emergono dal mondo cosiddetto �globalizzato�. Apprezzato appuntamento istituzionale Aperitivo in Concerto ha scelto propositalmente, sin dai suoi esordi (eminentemente dedicati alla tradizione accademica), di evitare l�istituzionalit� ed il repertorio ad essa connesso. Un�attenzione maggiore � stata perci� data alle cosiddette performing arts, ai linguaggi �di frontiera� (laddove dialogano pi� tradizioni diverse), all�improvvisazione e alla composizione istantanea, al jazz, alle nuove forme creative in peculiari ambiti etnici, alla creativit� musicale in contesti extra-europei. �Aperitivo in Concerto�, ormai da quasi un ventennio, offre testimonianze preziose di linguaggi nuovi o riscoperti, di sincretismi, di contaminazioni, delineando un inedito panorama della creativit� musicale internazionale ai nostri giorni. Sotto questo profilo, il cartellone, ogni hanno, � stato dedicato al presente e, soprattutto, al futuro, cercando inoltre di offrire alla comunit� un servizio, come prova peraltro una politica di prezzi del biglietto d�ingresso che trova oggi pochi riscontri.

L'abbonamento a tutta la rassegna � in vendita fino al 23 ottobre alla biglietteria del Teatro Manzoni al prezzo promozionale di �150, i biglietti per i singoli concerti, in vendita a partire dal 24 ottobre, sono acquistabili in biglietteria e online sul sito www.aperitivoinconcerto.com o sui circuiti ticketone e ticket.it al prezzo di  �12 + �1 prevendita, ridotto giovani � 8 + prevendita.


Abbonamento 15 concerti �150

in vendita alla cassa del Teatro � 02 7636901

sino  al 23 ottobre 2011

posti fissi e numerati

 

Prevedita

dal 24 ottobre 2011

Biglietto �12 + �1 prevendita

Ridotto giovani � 8 + prevendita

alla cassa del Teatro � 02 7636901

Numero Verde 800-914350

 

on line:

www.aperitivoinconcerto.com

circuito Ticketone + Call Center 892.101 

www.ticket.it

 

Per informazioni:

TEATRO MANZONI

Via Manzoni, 42

Milano � 02 7636901 

Numero verde 800.914.350

www.aperitivoinconcerto.com

 

(Visited 39 times, 1 visits today)