“Atra bile” di Laila Ripoll al Teatro Libero di Milano

ATRA BILE

“ATRA BILE”, GIOCANDO A CASTIGARE ARRETRATEZZA E PREGIUDIZI CON GROTTESCA E SCOPPIETTANTE IRONIA NOIR.

Dal 9 al 15 gennaio, la stagione del Teatro Libero di Milano riprende con “Atra Bile” di Laila Ripoll, autrice madrilena contemporanea, che sarà a Milano per l’occasione.

Immaginario sequel de “La casa di Bernarda Alba” di Federico Garcia Lorca, qui la drammaturga spagnola gioca a chiedersi: “Cosa sarebbe successo, se un uomo fosse entrato a sconvolgere il microcosmo familiare della vedova tenutaria e ci avesse piantato radici, sposandone effettivamente una delle figlie?”.

Quel che ne vien fuori è un testo dall’ironia tagliente e grottesca che racconta di una situazione drammatica di chiusura, in cui predominano la difesa dell’onorabilità a tutti i costi e una religiosità tanto bigotta, quanto facile alla fascinazione del rito pagano. Il livore di ataviche rivalità familiari monta in rabbia repressa per poi esplodere in bile nera (atra bilis) e incontrollabile.

Attorno al feretro dell’unico uomo che abbia mai avuto l’ardire di violare l’inespugnabilità di quella casa, quattro vecchie donne rievocano una vita segnata da trame, invidie, meschinità e gelosie reciproche e inconfessabili mentre con inatteso “Realismo magico” alla Garcia Marquez, il morto nella bara ringiovanisce, ripercorrendo le età fino a risalire alla sua splendida giovinezza. La figura maschile funge da detonatore in una situazione di chiusura e solitudine al femminile.

L’autrice disegna quattro personaggi femminili di una crudeltà degna di un Valle-Inclan. Il testo inoltre offre diversi piani di lettura, un primo livello è di puro divertissement, ma approfondendolo scopriamo una rielaborazione colta della drammaturgia spagnola del siglo de oro e inoltre ne è possibile  anche una lettura politica (la dittatura franchista e il buio delle coscienze).

Per ultimo la scrittura che è un esempio straordinario di grottesco noir, genere poco frequentato dai nostri autori italiani.

9 gennaio – 15 gennaio 2017 | Compagnia Ospite

ATRA BILE

Quando saremo più tranquille

di Laila Ripoll

Traduzione di Barbara Foresti

regia Tiziana Bergamaschi

con Valentina Ferrari, Marisa Militello, Elisabetta Torlasco  e Greta Zamparini

Produzione Associazione Teatro dell’Allodola

Con il patrocinio dell’Istituto Cervantes di Milano

 

ORARI SPETTACOLO:

Lun-sab ore 21

domenica eccezionalmente alle ore 21

Biglietto intero: 16€

Biglietto ridotto: 12€
Info riduzioni e convenzioni: biglietteria@teatrolibero.it

www.teatrolibero.it

(Visited 28 times, 1 visits today)