ORESTILLA È ORO AI DECANTER WORLD WINE AWARDS

ORESTILLA È ORO AI DECANTER WORLD WINE AWARDS

Il Lugana Orestilla 2016 di Montonale è medaglia d’oro ai Decanter World Wine Awards. La giuria del più grande concorso enologico del mondo ha assegnato al Turbiana della famiglia Girelli la Gold Medal con 96 punti: un centesimo in più dell’Orestilla 2015, che sempre Decanter giudicò lo scorso anno “miglior bianco monovarietale del mondo”.

«Decanter ha premiato il nostro lavoro di valorizzazione della riconoscibilità varietale», dice l’enologo Roberto Girelli, «è una conferma della bontà del nostro impegno e delle potenzialità delle terre di Lugana».

Intanto, Orestilla 2016 è già esaurito e il mercato anglofono, solleticato dal premio dello scorso anno, si è aggiudicato la metà delle bottiglie. Il bianco gardesano è di casa da Berry Bros. & Rudd, storica enoteca londinese che ha già prenotato l’annata 2017, appena messa in bottiglia.

Un premio anche al Lugana Montunal 2017, il biglietto da visita di casa Girelli, che rientra da Londra con una medaglia d’argento: ottimo riconoscimento un vino più fresco e “immediato” del fratello maggiore Orestilla, ma che rivela nel tempo complessità inaspettate

SCHEDA ORESTILLA LUGANA DOC
Dalle uve dell’omonimo vigneto nasce il Lugana Orestilla, il cui
nome si ispira alla scritta su una bellissima arca marmorea risalente
all’età romana scoperta nel 1500 in questo luogo. Qui, su un terreno
di gran talento dalla composizione unica, le nostre uve danno vita a
un Lugana ricco, ampio e di grande longevità.
Vitigno: 100% Turbiana, con vendemmia manuale in cassette.
Vigneti di origine: Orestilla, 2 ettari a sud del borgo di
Montonale, con eccellente esposizione a sud e una ventilazione
costante che permette un’ottima maturazione dei grappoli.
Terreno: argilloso, calcareo e ricco di minerali.
Forma di allevamento: guyot, 5/6 gemme per pianta.
Resa media: 90 quintali per ettaro.
Vinificazione: i grappoli vengono selezionati e raffreddati
prima della pressatura, in modo tale da preservare il più possibile
i precursori aromatici. Avviene una pressatura soffice con assenza
di ossigeno, per evitare l’ossidazione dei componenti nobili
dell’uva. Il mosto così ottenuto viene fatto illimpidire per
decantazione naturale e fermenta per circa 10 giorni in serbatoi di
acciaio inox a temperatura controllata. Il vino matura circa 8 mesi
sulle fecce nobili con costanti bâtonnage (rimessa in sospensione
della fecce fini) e prosegue poi l’affinamento in bottiglia per
almeno 10 mesi.
Aspetti organolettici: dal colore giallo paglierino con decisi
riflessi dorati, al naso cattura con note di agrumi dolci, ananas,
uva spina e pesca gialla, a cui si affiancano intense sensazioni
minerali e di erbe aromatiche ad accentuarne la complessità ed
eleganza. Tutto questo ha grande conferma in bocca: il sorso è
succoso e ricco di freschezza acida, note di ananas e timo che
rimandano a quanto percepito al naso, spiccata sapidità minerale
che accompagna il finale lungo e complesso. L’annata 2015, con
un’estate molto calda e asciutta, mostra grande struttura ed è
ricca di sfaccettature che la rendono di grande personalità e
carattere; grazie a mineralità e vibrante acidità promette lunga
capacità di evoluzione in bottiglia.
Gradazione alcolica: 13,5% Vol.
Abbinamenti: perfetto con zuppe invernali o a base di pesce,
crostacei e preparazioni di pesce in umido e alla griglia. Da
provare con le aolette del Garda in carpione, tipico piatto della
tradizione locale!

​.​
(Visited 30 times, 1 visits today)