CLAUDIO MASSINI LAGO SACRO

Campione d’Italia

Galleria Civica San Zenone, piazzale Maestri Campionesi;

Oratorio di San Pietro, piazza Roma;

Santa Maria dei Ghirli, viale Marco da Campione

 

1 ottobre – 14 novembre 2010

 

La città di Campione d’Italia ospiterà nel prossimo autunno “LAGO SACRO”, una mostra personale di Claudio Massini.

L’esposizione, curata da Philippe Daverio, direttore di “Art e dossier” e conduttore della trasmissione televisiva “Passepartout”, apre al pubblico giovedì 30 settembre alle ore 18.00 e sarà visitabile fino al 14 novembre 2010.

 

Claudo Massini esporrà oltre cento opere scelte da Philippe Daverio in tre diverse sedi espositive in una delle più ampie rassegne mai dedicate al suo lavoro. Le opere della collezione dell’associazione milanese ”Metastorica” e quelle della mostra appena conclusa alla “Fondazione Magnani Rocca” si accostano a quaranta lavori inediti in una serie di sedi nel cuore storico della piccola città campionese: l’ex-chiesa di San Zenone oggi Galleria Civica d’arte, il Santuario barocco di Santa Maria dei Ghirli e l'Oratorio di San Pietro. Questa mostra colpisce per la rara e complessa consapevolezza degli spazi in cui opera. La pittura di Massini, unica nel suo genere, ha la capacità d’inserirsi in maniera sorprendente negli edifici storici donando agli spazi nuovi ritmi percettivi, ma tenendo in piena considerazione la sacralità di questi luoghi. Massini propone opere che come broccati emergono dal loro impianto di pigmento artigianale steso a strati sovrapposti.  È una pittura dirompente, viva, ma soprattutto in rilievo, che necessita della luce per esaltare il gioco di pieni e vuoti come accade nella scultura. La grafica è meccanica, frutto di un approccio minuzioso e va a comporre, il più delle volte, un surreale campionario di geometria descrittiva. Intenta costantemente nell’indagine concettuale sulle categorie del sublime e del kitsch la ricerca di Massini è parallela e complementare al lavoro di importanti artisti come Glenn Brown o John Currin che hanno fatto della figurazione e della pittura tout court la loro cifra stilistica.

Massini è senza dubbio uno degli artisti contemporanei che hanno dato un significativo contributo italiano nel campo della pittura.

 

 

 

 

“L’intento dell’esposizione – dice l’artista – consiste nel porre in essere un sistema in grado di narrare attraverso dipinti, oggetti ed interventi, la natura insieme gentile e solenne dei luoghi. La ricerca sottesa a questo obiettivo terrà in parallela considerazione sia le riadici italiane del sito, sia l’atmosfera e il calore accogliente della comunità svizzero ticinese, nel tentativo di evocare il fascino e la poesia dei “ghirli” di questa terra: attraverso l’utilizzo di immagini micro performative verrà evocata la capacità degli artisti originari di questi luoghi – come Anselmo da Campione, Bonino da Campione, i maestri scalpellini di San Pietroburgo, Francesco Borromini e Domenico Fontana –  di aver costruito valori europei”.

 

Su queste basi nasce anche il libro d'arte realizzato a testimonianza dell'evento, a cura di Simone Ferraro ed Elisabetta Coletti: sarà epilogo e racconto di un percorso tra arte e storia sullo scenario del "Lago Sacro".

 

www.uessearte.it

(Visited 16 times, 1 visits today)