Artissima 2016 Giorgio Andreotta Calò, galleria Sprovieri (Londra), vince il premio MUTINA “This is Not a Prize” , prima edizione

 tubm_GianluigiRicuperatiSarahCosulichGiorgioAndreottaCalMassimoOrsiniMarcoDeVincenzoPatriciaUrquiolaphPer
Artissima 2016
 
Giorgio Andreotta Calò – galleria Sprovieri, Londra
è il vincitore della prima edizione
del Mutina “This is not a Prize”.
 
È stato assegnato oggi ad Artissima il premio This is not a Prize, nato quest’anno in collaborazione con Mutina, eccellenza italiana della ceramica, da sempre legata all’innovazione, nota per un prodotto che unisce sapientemente artigianalità, ricerca e collaborazioni con designer di spessore.
Il premio è stato assegnato a Giorgio Andreotta Calò, presentato dalla galleriaSprovieri (Londra), presente in fiera nella Main Section
Gianluigi Ricuperati, Niccolò Sprovieri, Sarah Cosulich, Giorgio Andreotta Calò, Massimo Orsini, Marco De Vincenzo, Patricia Urquiola | photo: Perottino-Alfero-Tardito
La prestigiosa giuria internazionale composta da Massimo Orsini (CEO, Mutina),Patricia Urquiola (architetto e designer), Gianluigi Ricuperati (Direttore Creativo, Domus Academy) e Marco De Vincenzo (designer) ha selezionato Giorgio Andreotta Calò con la seguente motivazione:
This is not a prize, but a story to entangle. ‘Entangle’ è un bellissimo verbo della lingua inglese che significa ‘legare’, ‘impigliare’, ma anche ‘invischiare’ e ‘avvolgere’. Se il suono aiuta a capire il senso, basti pensare a come la fonetica di questo verbo ricorda la parola ‘tango’. Ecco perché abbiamo deciso di scegliere un artista tra i tanti che hanno esposto proprie opere in questa straordinaria edizione di Artissima: non perché cercavamo un vincitore risorto a una scala di valori univoca, che non abbiamo la pretesa di proporre – anche perché tutti gli artisti analizzati sono comunque vincitori. Non perché desideravamo indicare una strada assoluta, benché i talenti che insieme alla giuria abbiamo esaminato siano certamente doni assoluti. Il motivo per cui abbiamo scelto un artista fra tutti è perché volevamo qualcuno con cui impigliarci, invischiare una storia da raccontare, cominciare un percorso inventivo e collaborativo. Oltre al premio di 5000 euro, infatti, ci sarà per Mutina l’onore e la responsabilità di cominciare un’avventura creativa insieme. E per il tango, o l’entanglement, ci vuole un’assonanza potente: di figure, di forme, di intenti, di sensi. Per questi motivi – per quest’assonanza che nel suo lavoro di ricerca dominato da una curiosità e confidenza infinita nei confronti dei materiali (della tavolozza del mondo) abbiamo invitato a fare questo viaggio con noi Giorgio Andreotta Calò, autore giovane e già titolare di una poetica complessa, stratificata e disponibile al dialogo con il fenomeno umano. Questo dialogo con ciò che serve all’umano, ciò che lo compone e ciò che lo ospita, e lo ispira, è anche alla base della filosofia pratica della nostra azienda. This is not a Prize. This is a tango.”
 
Il premio, del valore di 5.000 euro, segna l’inizio di un dialogo: Mutina si impegna inoltre ad avviare un dialogo con l’artista che potrà prendere forme diverse: dal sostegno a un progetto espositivo dell’artista selezionato, a una sua pubblicazione, dalla produzione di un’opera a un coinvolgimento legato alla ceramica concepita come prodotto d’autore.
Il premio This is not a Prize, come suggerisce il titolo, riflette la filosofia creativa dell’azienda e il suo approccio basato sul dialogo con professionisti e background sempre diversi. La giuria ha investigato in piena libertà, ravvisando in Giorgio Andreotta Calò il punto di incontro tra lo spirito del premio e la sensibilità di Mutina.
This is not a Prize sfugge alle categorizzazioni conosciute per rispondere solo alle esigenze della sensibilità contemporanea in totale libertà di selezione e premiazione. La fiera, anticipatrice di nuove tendenze curatoriali e pioniera di nuovi formati grazie alla sua costanza nel reinventarsi ogni anno, ribadisce anche con questo premio la sua volontà di investire nella ricerca e nella sperimentazione.
ARTISSIMA 2016
Internazionale d’Arte Contemporanea
4-5-6 novembre 2016
OVAL – Lingotto Fiere
T +39 011 19744106 – F +39 011 19746106
Corso Vittorio Emanuele II, 12 – 10123 Torino
Facebook: Artissima Fair
Twitter: @ArtissimaFair
Instagram: ARTISSIMAFAIR
Pinterest: Artissima
Youtube: Artissima Fair
#Artissima #Artissima2016 #followthepink
Artissima è un marchio di Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino e Città di Torino; per incarico dei tre Enti, afferisce alla Fondazione Torino Musei. La ventitreesima edizione di Artissima viene realizzata attraverso il sostegno dei tre Enti proprietari del marchio, congiuntamente a Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT, Compagnia di San Paolo e Camera di commercio di Torino. L’organizzazione di Artissima è curata da Artissima srl, società costituita nel 2008 per gestire i rapporti artistici e commerciali della fiera. L’immagine e il progetto grafico di Artissima sono a cura dello studio Tassinari/Vetta (Leonardo Sonnoli con Irene Bacchi).
Partners & friends:
Main partner: UniCredit
Partner: illycaffè, K-Way, Lancia, Lauretana, Leica, Mutina, Owenscorp, QC Termetorino, Reda, Fondazione Sardi per l’Arte, Torino Airport | Sagat
In-kind sponsor: ArteK, Calligaris, Cappellini, Carloangela, Carpet Edition, Cassina, GL Events Italia – Lingotto Fiere, Guido Gobino, Halifax, Kartell, Lago, Nemo Lighting, Parco1923, Poltrona Frau, Vitra
Official carrier: Gondrand
Cultural partner: Alliance Française, Goethe-Institut Turin
Media partner: La Stampa, AD, Vogue Italia
Media coverage: Sky Arte HD
In-kind online partner: Artsy
 


 

(Visited 58 times, 1 visits today)