Olei Ristorante & Bistrot presenta “l’Anima dell’Olio”

ImageProxy (7) DSC_0119 DSC_0156DSC_0063

4 Maggio 2016 il ristorante OLEI apre le porte ad un evento legato all’anima dell’Olio, il condimento che accompagna il cibo crudo o cotto che sia.

Da un borgo di origine etrusca della Tuscia Viterbese nasce l’olio dell’azienda agricola Ione Zobbi, dedita alla produzione di olii extra vergine monovarietali, proveniente da piccoli oliveti che la circondano. Una cura maniacale per valorizzare le peculiarità del territorio vulcanico ricco di minerali che regalano aromi forti e fresche note vegetali in un’armoniosa scala di undici monocultivar.
Il Ristorante Olei, amante, appassionato e cultore delle meraviglie dello Stivale ha, stasera,  il piacere di ospitare questa deliziosa realtà per un evento prezioso, dove conoscere e incontrare l’olio, uno degli alfieri simbolo dell’Italia nel mondo, imparare a coglierne tutte le sue piacevoli sfumature al naso e al palato attraverso una degustazione guidata, apprezzarne il gusto e il valore aggiunto in un percorso di cinque piatti originali.
Mercoledì 4 Maggio 2016
Ore 20.30 – Racconto, Scoperta e Degustazione Oli
Cena seduta a seguire
CHI E’ OLEI?
OLEI,  è Stile,  Eleganza,  Delicatezza,  Gusto  e  Sostanza.
Queste  cinque  parole  descrivono  l’anima  di  Olei,  l’anima  italiana  di  un  ristorante
che   ha   a   cuore   le   origini,   le   tradizioni   dello   Stivale   e   le   innova   con   rispetto   e
discrezione.
Basta   un   solo   sguardo,   appena   varcata   la   soglia,   per   percepirne   l’accoglienza:
piacevole  e  mai  invadente,  grazie  a  tonalità  che  infondono  serenità,  tranquillità,
un  distacco  netto  dalla  frenesia  quotidiana  milanese.
E’  ciò  che  ha  sempre  voluto  Luca  Ferrarini,  il  proprietario  del  ristorante,  un  luogo
dove   sentirsi   bene,   a   proprio   agio,   raffinato   senza   essere   inaccessibile,   dove   il
buongusto  trovasse  terreno  fertile  per  mettere  le  sue  radici  così  come  ha  fatto
l’ulivo  su  buona  parte  del  nostro  paese  per  dar  vita  all ’olio,    il  succo  delle  olive,
OLEI  per  i  latini,  un  ingrediente  capace  di  racchiudere  dentro  di  sé  il  Sole,  il  colore,
il  profumo  e  il  sapore  di  una  terra  straordinaria.

Lo   Chef   Francesco   Pontrelli   incarna   perfettamente   questa   filosofia   di
piacevolezza,  a  cui  non  servono  effetti  speciali  poiché  sono  la  qualità  e  la  sostanza
della  materia  prima  a  dover  dare  l’incipit.
Attenzione  e  cura  quasi  maniacale  nella sua  ricerca,  tra  contadini,  pescatori  e  piccoli  produttori  che  amano  la  terra,  il  maree  li  rispettano,  il  primo  grande  e  fondamentale  passo  verso  un  sapore  autentico, stretto  discendente  di  quello  che  caratterizzava  ogni  piatto  di  sua  madre  e  sua
nonna.
Un  gusto  deciso  composto  da  aromaticità  ben  distinte  di  ogni  ingrediente,
mai  sovrapposte,  assemblate  in  un  armonioso  equilibrio.  E’  ciò  che  ha  da  sempre
contrassegnato   il   suo   percorso,   dalla   cucina   del   Lorenzo   di   Forte   dei   Marmi   al
ristorante  di  Armani  sulla  5th  avenue  di  New  York.  Un  legame  particolare  lo  tiene
stretto   soprattutto   ai   primi   piatti,   alle   paste   che   rappresentano   per   lui
l’espressione  dell’Italianità  nel  mondo.  Le  fondamenta  della  sua  cucina  poggiano
sulla  valorizzazione  della  regina  Materia  prima,  un  estremo  e  saldo  equilibrio  tra
tutto  ciò  che  entra  a  parte  di  ogni  preparazione,  una  presentazione  che  sorride
all’arte.
Il  menù  è  attento  alla  stagionalità,  è  la  fonte  di  ispirazione  per  le  nuove  idee  e  le
proposte.   La   sua   struttura   è   più   incline   al   pesce,   al   mare,   dai   grandi   crudi   ad
un’imperiosa  capasanta scottata,  alle  linguine  risottate  alla  Francesco  con  scampi,
calamari,   cozze   vongole,   a   un   delizioso   cannolo   di   branzino   con   cuore   di
gambero.  La  terra  è  comunque  protagonista  con  piatti  che  spaziano  da  un  risotto
alla   rapa   rossa,   zafferano   e   gorgonzola,   alla   guancia   di   vitello   brasata,   a   una
battuta  di  manzo  di  qualità  eccelsa.
Il  Bistrot  è  la  costola  più  informale,  nato  da  poco,  è    il  luogo  dove  alcuni  dei  piatti
del  ristorante  trovano  modo  di  esprimersi  in  modo  più  semplice  e  agile,  giocando
spesso  sulla  quotidianità  che  offre  il  mercato.  L’ambiente  è  più  easy,  le  gradazioni
di  colore  virano  verso  il  verde  salvia,  il  legno,  è  il  concept  ideale  per  un  pranzo  o
una   cena   veloce,   per   un   buon   calice   di   vino   tra   quelli   in   degustazione,
accompagnato  da  qualche  tapas.
Taglieri  con  salumi  e  formaggi  accuratamente selezionati  e  di  qualità,  la    piccola  tartare  di Cazzamali,  il  frittino  all’italiana  o  di pesce  e  non  mancherà  mai  la  proposta  giornaliera  dello  chef  e vegeteriana  per riuscire  ad  accontentare  proprio  tutti.
Tutto  è  così  semplice:  OLEI
 Che sia Bistrot o Ristorante, la scelta ha sempre delle carte vincenti, ben mescolate dallo chef che  amalgama  le materie prime con gusto, estro e fantasia per stupire e deliziare  il commensale
 Per info e prenotazioni:
 OLEI  Ristorante  &  Bistrot
via  Washington,  20  -­‐  Milano
+39  024983997
info@ristoranteolei.it
www.ristoranteolei.it
(Visited 42 times, 1 visits today)