NE’ QUI NE’ ALTROVE Palazzo Bevilacqua Ariosti Bologna

image1 (1)

NE’ QUI NE’ ALTROVE                        

Giuseppe Pietroniro | Marco Raparelli

A cura di Eli Sassoli de’ Bianchi ed Olivia Spatola

In collaborazione con lo Studio Geddes Franchetti di Roma

Con il contributo artistico di: Loredana Di Lillo, Lorenzo Scotto Di Luzio, Andrea Salvino, Luca Trevisani, Simone Berti, Alessandro Sarra, Marco Colazzo, Stefania Galegati Shine, Stanislao Di Giugno, Alessandro Cicoria, Giovanni Kronenberg, Daniele Puppi, Massimiliano Piluzzi (Masito), Luca Rossi, Cuoghi e Corsello

E la partecipazione dei seguenti curatori: Lorenzo Bruni, Davide Ferri, Antonio Grulli, Giuliana Benassi, Adriana Polveroni

Da giovedì 28 gennaio 2016, in anteprima assoluta, Palazzo Bevilacqua Ariosti, in occasione del quarantennale di Arte Fiera, ospiterà il progetto site specific Nè qui nè altrove” di Giuseppe Pietroniro e Marco Raparelli a cura di Eli Sassoli de’ Bianchi ed Olivia Spatola.

Nel chiostro di Palazzo Bevilacqua, Giuseppe Pietroniro e Marco Raparelli metteranno in scena il sistema fieristico dell’arte contemporanea con i suoi paradossi e le sue anomalie, dando luogo ad una riflessione su quella che è la crisi del nostro tempo che si concretizza in un metalinguaggio in cui l’arte racconta l’arte con ironia e critica leggera come leggera è la carta, principale medium di questo progetto.

Gli stand, le opere d’arte e gli oggetti della “fiera” saranno realizzati con un unico materiale: la carta e saranno reinterpretati attraverso una concezione strettamente interconnessa alle qualità di questo materiale leggero, fragile ed effimero.

Le opere d’arte in carta, intesa come materiale da costruzione di una scenografia supposta, fantastica creazione della mente, saranno rappresentazioni di uno scambio, in continuo mutamento, di valori tra realtà e finzione, mente e materia.

“L’apparato effimero” della carta, ricco di significati simbolici, diverrà struttura e forma capace di organizzare lo spazio come luogo di “accadimenti” in grado di sviluppare dinamiche in cui lo spettatore sarà attore inconsapevole nella mise en scene del personale sistema fieristico ideato dagli artisti.

La scelta dichiarata da Pietroniro e Raparelli dell’uso della carta e del disegno a matita, diventa sintomatica e simbolica della precarietà che caratterizza la nostra epoca, con particolare riferimento alla sfera artistica nelle sue dinamiche di conservazione e istituzionalizzazione.

L’obiettivo del progetto è quello di dare luogo ad un dialogo, un dibattito inteso come una tavola rotonda tra pubblico, artisti ed operatori dell’arte. Luogo collettivo di idee: piattaforma partecipativa aperta ad interventi di altre figure professionali operanti nell’ambito del sistema dell’arte contemporanea portatori d’immagini ed idee su cui dibattere. Verranno, quindi, attivamente coinvolti 14 artisti realizzando interventi che diventeranno parte del progetto stesso, ovvero: Loredana Di Lillo, Lorenzo Scotto Di Luzio, Andrea Salvino, Luca Trevisani, Simone Berti, Alessandro Sarra, Marco Colazzo, Stefania Galegati Shine, Stanislao Di Giugno, Alessandro Cicoria, Giovanni Kronenberg, Daniele Puppi, Massimiliano Piluzzi (Masito), Luca Rossi, Cuoghi e Corsello.

Nella giornata di sabato 30 gennaio, a partire dalle ore 11,00, si terranno 5 incontri con altrettanti curatori: Lorenzo Bruni, Davide Ferri, Adriana Polveroni, Antonio Grulli, Giuliana Benassi e verrà presentato da Adriana Polveroni, il libro “né qui né altrove” prodotto dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma (GNAM) ed edito da Cura Books in occasione della mostra realizzata nel 2012 al Museo Hendrick Andersen di Roma.

Né qui né altrove

Un progetto di Giuseppe Pietroniro | Marco Raparelli

A cura di Eli Sassoli de’ Bianchi e Olivia Spatola

In collaborazione con lo Studio Geddes Franchetti di Roma

Con il contributo di:

Loredana Di Lillo, Lorenzo Scotto Di Luzio, Andrea Salvino, Luca Trevisani, Simone Berti, Alessandro Sarra, Marco Colazzo, Stefania Galegati Shine, Stanislao Di Giugno, Alessandro Cicoria, Giovanni Kronenberg, Daniele Puppi, Massimiliano Piluzzi (Masito), Luca Rossi Cuoghi e Corsello

E la partecipazione dei seguenti curatori che, nella giornata di sabato 30 gennaio, daranno vita ad una serie d’incontri nel chiostro di Palazzo Bevilacqua Ariosti: Lorenzo Bruni, Davide Ferri, Antonio Grulli, Giuliana Benassi, Adriana Polveroni

Calendario degli incontri con i curatori:

Sabato 30 gennaio 2016

ore 11.00 – 13.30: Antonio Grulli e Davide Ferri – incontro con i collezionisti

ore 14.30: Adraiana Polveroni presenta il libro “né qui né altrove” prodotto dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma (GNAM) ed edito da Cura Books

ore 16.00 – 18.30: Giuliana Benassi con Luca Rossi ed a seguire Lorenzo Bruni

Palazzo Bevilacqua Ariosti

Via D’Azeglio 31, Bologna

Durata mostra: 28 gennaio – 31 gennaio 2016

Orari: Giovedì 28 ore 10.30/13.00 – 14.30/19.00

Venerdì 29 ore 10.30/13.00 – 14.30/22.00

Sabato 30 ore 10.30/13.00 – 14.30/19.00 – 21.00/24.00

Domenica 31 ore 10.30/13.00 – 14.30/19.00

www.palazzobevilacqua.it

Info: olivia.spatola@tin.it | eli@sassolidebianchi.com

(Visited 36 times, 1 visits today)