CASA DI RIPOSO PER MUSICISTI FONDAZIONE GIUSEPPE VERDI E SMARTIKA SPA

SUPERATO L’OBIETTIVO DI €120,000 PER L’ACQUISTO DEL CARTEGGIO DI GIUSEPPE VERDI – OPPRANDINO ARRIVABENE

Superato in soli cinque mesi il record di raccolta fondi per un progetto di crowdfunding allo scopo di finanziare un’iniziativa culturale: il progetto di donationcrowdfunding promosso dalla Casa di Riposo per Musicisti Fondazione Giuseppe Verdi presieduta dal Prof. Roberto Ruozi, e realizzato grazie a Smartika SpA, Istituto di Pagamento autorizzato e vigilato da Banca d’Italia e presieduta da Maurizio Sella, ha infatti raccolto più di €120,000.

Tale cifra era necessaria per consentire a Casa Verdi –  casa di riposo per musicisti, voluta dallo stesso Giuseppe Verdi – di acquistare 82 lettere (223 pagine) scambiate tra il Maestro Verdi ed il suo amico Opprandino Arrivabene, nobile mantovano. L’epistolario è sottoposto a procedura di vincolo del Ministero per i Beni Culturali e questo ne impedisce lo smembramento.

L’attivazione di una trattativa privata, così come la rinuncia ai propri diritti sulle opere da parte della Casa d’Aste Bolaffi – alla quale l’epistolario era stato affidato – hanno permesso di fissare il prezzo di vendita ad un livello inferiore a quello di mercato.

“Con i fondi che abbiamo ricevuto – afferma Roberto Ruozi –  potremo comprare da Bolaffi questo interessante carteggio del Maestro Verdi e riportarlo nella sua Casa, che egli definì “la mia opera più bella”. Inoltre, grazie al successo raggiunto dal progetto – prosegue – abbiamo mostrato un nuovo modo di generare finanziamenti per sostenere la cultura”.

Smartika – dichiara Maurizio Sella – è stata lieta di offrire la propria piattaforma online, normalmente dedicata ai prestiti tra privati, a supporto di questa importante operazione culturale, mostrando, così, la notevole potenzialità della modalità innovativa del crowdfunding e rendendo possibile a Casa Verdi l’acquisto di numerose memorie inedite, riguardanti la vita del Maestro Verdi, le sue opere, gli aspetti di vita professionali e anche privati”.

Il carteggio sarà da ora a disposizione del pubblico e degli studiosi, che sapranno valorizzarlo attraverso esposizioni e convegni. Potranno, inoltre, sottoporlo ad un’accurata critica, che contribuirà a diffondere e rafforzare la conoscenza di Verdi in Italia e nel mondo.

Ringraziamenti

Casa Verdi ringrazierà tutti i benefattori invitandoli alla presentazione pubblica dell’epistolario e ai concerti annuali nelle ricorrenze verdiane.

Il nome di chi avrà donato almeno 2.500 euro sarà iscritto (previo consenso dell’interessato) in una tavola marmorea che sarà affissa in un luogo visibile all’interno di Casa Verdi.

Casa di Riposo per Musicisti Fondazione Giuseppe Verdi

Casa Verdi (www.casaverdi.org) fu edificata nel 1899 per volontà del Maestro al fine di offrire ai musicisti bisognosi la possibilità di trascorrere una vecchiaia serena e dignitosa. Fu la prima struttura del genere a non essere definita “ricovero”, ma “casa di riposo” (come si legge sopra l’ingresso) a testimonianza della straordinaria sensibilità innovativa di Verdi non solo in ambito artistico e musicale, ma anche sociale ed assistenziale.

Della costruzione fu incaricato l’arch. Camillo Boito, fratello del letterato e musicista Arrigo Boito, autore del libretto dei capolavori verdiani “Otello” e “Falstaff”.

Per garantire la continuità di vita a quella che era solito definire “l’opera mia più bella”, Verdi le destinò una parte del proprio patrimonio e i diritti delle proprie opere. Ai lasciti del Maestro seguirono, negli anni, molte donazioni di benefattori che ne consentono il mantenimento e lo sviluppo, tanto è vero che, da tempi più recenti, Casa Verdi ospita anche giovani talenti musicali che hanno bisogno di un supporto logistico ed economico.

Smartika SpA – Istituto di Pagamento

Smartika (www.smartika.it) è il leader italiano nel mercato del social lending o prestito tra privati. Con il prestito tra privati si incontrano direttamente, sul web, le domande di prestito dei Richiedenti e le offerte di finanziamento dei Prestatori, senza l’intermediazione di banche o finanziarie. Le condizioni sono vantaggiose per tutti: tassi più bassi per chi ottiene il prestito e interessi più alti per chi presta il denaro.

Il prestito tra privati, noto anche come social lending, è stato introdotto in Gran Bretagna nel 2005 e ha avuto un grande sviluppo in seguito alla crisi finanziaria globale del 2008, diventando un canale di credito alternativo su cui sono stati erogati nel 2014 prestiti per oltre $ 20 miliardi.

Partecipano a Smartika oltre 5.550 Prestatori e sono stati conclusi circa 3.500 prestiti per un valore di oltre 18.2 milioni di euro. Questo risultato, a fronte di un generale crollo in Italia del credito al consumo alle famiglie, testimonia la validità del modello di Smartika come punto di incontro tra chi, spinto anche da una motivazione etica, cerca un modo di investire parte dei propri risparmi con un rendimento vantaggioso e chi, pur meritevole di credito, in questo periodo di credit crunch, fa fatica a ottenere un prestito dalla finanza tradizionale.

Smartika Spa opera come Istituto di Pagamento ex art 114 del TUB, autorizzato e vigilato da Banca d’Italia.

 

 

 

 

 

(Visited 30 times, 1 visits today)