Il Gatto con gli Stradivari Auditorium di Milano

Nicola Olivieri - feb14

Crescendo in musica 2014/15

I segreti della natura tra favola e musica

Il Gatto con gli Stradivari

La storia del felino più famoso del mondo

(delle fantasia) trasportata in chiave…di violino!

Sabato 14 marzo – ore 16.00

Auditorium di Milano – largo Mahler

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Direttore Adriano Barbieri-Torriani

Nicola Olivieri attore

Francesco Montemurro testi e messa in scena

 E dopo i giochi dell’appuntamento di febbraio, ecco la natura, svelata in tutti i suoi segreti, tra favola,musica e un pizzico di fantasia! Sabato 14 marzo (ore 16.00), sul palco dell’Auditorium di Milano in largo Mahler, Crescendo in musica, la rassegna de laVerdi del sabato pomeriggio dedicata ai più piccoli e alle famiglie, riserva al suo giovane (e non solo) pubblico una sorpresa davvero speciale: ecco qualche anticipazione golosa…

Nel regno di Vattelappesca, le leggi di natura non sono poi così ferree: non ci sono altre stagioni se non un’eterna primavera, le stelle brillano anche di giorno, la pioggia zampilla dalla campagna verso il cielo e tutto è variopinto con i colori dell’arcobaleno. Ma, soprattutto, nel bosco di Vattelappesca crescono i violini. E non  violini qualsiasi ma violini Stradivari, i più rari e preziosi che ci siano al mondo! Riuscirà il terzo figlio di un mugnaio di Vattelappesca, la cui sola eredità è soltanto un gatto e il cui pallino è costruire violini, a conquistare la figlia del re Bombardino? Ecco l’ambientazione da favola per questo nuovo, avventuroso e appassionante viaggio di Crescendo in musica intitolato La natura: le note musicali di Grieg, Vivaldi, Bethoven e Smetana – sapientemente miscelate dall’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, per l’occasione diretta da Adriano Barbieri-Torriani, si accorderanno con una libera trasposizione in chiave di violino della nota favola di Perrault.

Francesco Montemurro propone così il suo Gatto con gli Stradivari, cui Nicola Olivieri presterà mimica, travestimenti e le sue mille e una voce, per avvicinare ancora una volta un pubblico di grandi e piccini ai magnifici suoni dell’Orchestra Verdi.

(Biglietti euro 15,00/7,50; Info e prenotazioni: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, largo Mahler, orari apertura: mar – dom ore 14.30 – 19.00, tel. 02.83389401/2/3; biglietteria via Clerici 3 (Cordusio),  orari apertura: lun – ven  ore 10.00 – 19.00, sab ore 14.00 – 19.00, tel. 02.83389.334  www.laverdi.org).

 

PROGRAMMA

Sab 14 ore 16.00

Crescendo in musica

LA NATURA

Grieg Peer Gynt Morning 

Vivaldi La primavera

Beethoven Sinfonia n. 6 – II Movimento (Scena ala ruscello)

Smetana La Moldava

Orchestra sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Direttore Andrea Barbieri-Torriani

 

Biografie

Adriano Barbieri Torriani, direttore. Direttore d’orchestra, di coro e pianista, ha compiuto gli studi musicali al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano dove si è laureato in Direzione d’orchestra con Mario Gusella. Si è perfezionato al Mozarteum di Salisburgo con Otmar Suitner.

Ha insegnato Direzione d’orchestra al Conservatoriodi Milano, Esercitazioni orchestrali al Conservatorio di Firenze, Teoria e solfeggio al Conservatorio di MIlano e alla Civica Scuola di Musica di Milano.

È stato direttore ospite, sia in campo sinfonico che operistico, di importanti orchestre in Italia e all’estero quali l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, I Solisti del Teatro alla Scala, I Cameristi del Teatro alla Scala, la Camerata Academica del Mozarteum di Salisburgo, l’Orchestra da Camera di Mantova, la Milano Classica, l’Orchestra Cantelli, l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, I Pomeriggi Musicali e l’Angelicum di Milano, l’Orchestra Sinfonica Giovanile del Piemonte. Tra gli impegni più significativi, il concerto di chiusura del Festival “Mozart in Lombardia” al Teatro Bibiena di Mantova e la Nona Sinfonia di Beethoven, sia a Milano nella Sala Verdi del Conservatorio, sia a Varese nella Basilica di S. Vittore, come chiusura della Stagione Musicale Comunale, con la partecipazione dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi.

Si è inoltre esibito nelle principali sale da concerto di città italiane e straniere, tra cui Milano, Salisburgo, Firenze, Mantova, Varese, Como, Sanremo, Bad Gastein, Lugano.

In campo operistico ha diretto Le Convenienze Teatrali di Donizetti e ha collaborato a lungo con il Teatro alla Scala con numerosissime esecuzioni de La Serva Padrona di  Pergolesi e de Il Combattimento di Tancredi e Clorinda di Monteverdi.

Svolge inoltre un’intensa e apprezzata attività con l’Orchestra da Camera di Milano “Giorgio Federico Ghedini”, di cui è fondatore, direttore musicale e artistico e con il Gruppo Corale “Canticum ’96” che ha costituito nel 1996 e di cui è direttore.

È stato direttore artistico della stagione musicale del Teatro Arca di Milano fino al 2011.

Oltre alla musica classica, come pianista si è sempre dedicato al jazz. Fondatore e pianista del “More Than Jazz Trio”, con questo complesso collabora spesso in concerto con il quintetto vocale di musica antica “Ensemble Galeazescha”, diretto da Paolo Rizzi. Come pianista è stato ospite nella stagione del Teatro Arca di Milano con il “Franco Cerri Jazz Quartet”. Nel 2010 ha inaugurato, con un recital pianistico fra jazz e musica classica, “Palazzo Marino aperto ad agosto”, serie di concerti promossa dal Comune di Milano. Ha effettuato registrazioni per Rai 3, Rai Radio 3, la Tv e la Radio della Svizzera Italiana e Sky Tv.

Per l’etichetta Diversified Technologies ha registrato un cd con Un Americano a Parigi di Gershwin e la Sinfonia n. 9 Dal Nuovo Mondo di Dvorak, con la partecipazione dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi.

 

Nicola Olivieri, attore. Vocalista e attore, dopo il “battesimo” al Piccolo Teatro di Milano in Faust – frammenti di Giorgio Strehler, dal 1990 conduce laboratori di Animazione teatrale per Bambini, collabora con il CRT Milano per il progetto “Teatro di Frontiera”  e con l’ As.Li.Co. al progetto per le scuole “Opera Domani” sotto la direzione di Serena Sinigallia, e dal 2009 con la scuola Steiner di Origlio (Lugano) in qualità di curatore del corso di teatro.

Con la compagnia veneziana “VeneziaInscena” diretta da A. Iurissevich, dal 2004 veste i panni del protagonista nel canovaccio D’Amore rapito, suo debutto al Carnevale di Venezia con repliche nella rassegna estiva “Venezia in Campo” ed ai festival internazionali di Madrid e Lisbona. Nel 2006 interpreta Pulcinella ne La forza delle stelle di A. Stradella per la XXVII edizione del festival “Segni Barocchi” di Foligno. Notevole la sua interpretazione dei tre diversi personaggi protagonisti in Zauber quel Flote… del musicologo Danilo Faravelli, e del servo Vespone ne La serva padrona di Pergolesi. In occasione della Giornata della Memoria interpreta regolarmente, affiancato dal fisarmonicista Davide Vendramin, il ruolo del protagonista in Primo, monologo interattivo di Francesco Montemurro indirizzato alle Scuole Medie. In scena come Notaio nel Don Pasquale di Donizetti per As.Li.Co. Opera Pocket stagione 2007/08. Dal 2001 è interprete di numerosi spettacoli per il cartellone “Crescendo in Musica” con l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi sotto la guida di Damiano Michieletto, Arturo Cannistrà e Francesco Montemurro. Con quest’ultimo costituisce la compagnia IlSaleinZucca portando in scena in qualità di attore e cantante spettacoli che abbinano la teatralità alla musica classica eseguita dal vivo. Numerosi i titoli di cui è stato protagonista: Cantano i Bimbi, Vespina e il pianoforte, Nick lo strumento logo, E adesso … Musical! (AA.VV), Marionette in Libertà (Stravinskij su testi di Rodari), Pierino e il lupo (Prokofiev), Guida all’orchestra (B.Britten), Tubby the tuba (George Kleinsinger) , Le quattro stagioni del Capitan Fracassa (A. Vivaldi- spettacolo vincitore della XXII edizione della rassegna “EWIVA” indetta dal Comune di Milano), Don Chisciotte e Sancio Panza (M. De Falla) Il carnevale degli animali (C.Saint -Saens), Il Fantasma dell’Opera (Andrew Lloyd Webber), Lo Schiaccianoci e Cenerentola (Čajkovskij), Les Choristes (Bruno Coulais), Chi rapì la topina Costanza (R.Vacca), Lo scoiattolo in gamba (N.Rota), Pierino porcospino, La tarantella di pulcinella (G. Negri) ed il recente C’era una volta l’Opera, inserito nel cartellone Verdi e Wagner a Milano 2012. Nel 2013 è protagonista della prima assoluta di Chicino e Cicotta, operina di Silvia Colasanti su testo di Roberto Piumini e del FisaElisir d’Amore (una riduzione del capolavoro di G. Donizetti).

Come componente stabile del trio “Le sorelle Marinetti” (nel ruolo di Turbina), riscuote da anni notevole successo anche in ambito televisivo e discografico ed è ora in tournée con la commedia musicale Risate sotto le bombe con Gianni Fantoni.

 

Francesco Montemurro, regista. Terminati gli studi classici e di Conservatorio, inizia la collaborazione con il “Piccolo Teatro” prendendo parte, in qualità di attore, cantante e mimo a numerosi spettacoli diretti da Giorgio Strehler. Frequenta il corso di mimo della Scuola del Piccolo sotto la guida di Marise Flach, ed in seguito i corsi di danza contemporanea di Chrystine Perrot. Intraprende quindi l’attività di regista curando diversi recital di poesia dell’attrice Anna Saia e come assistente di Lamberto Puggelli nel Malato immaginario di Molière per la “Compagnia degli Incamminati”. A seguito dell’esperienza maturata – anche come autore – di numerosi “Concerti teatrali” del ciclo Crescendo in Musica per l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, tra cui La vera storia di Halloween, Pulcinella in Libertà, Pierino e il lupo, Guida all’orchestra, Il fantasma dell’opera, Don Chisciotte e Sancio Panza, Il carnevale degli animali, Pierino porcospino, La tarantella di Pulcinella, assieme all’attore Nicola Olivieri e allo scenografo Marco Calabrese fonda la compagnia “Il Sale in Zucca”. Per l’autore e musicologo Danilo Faravelli mette in scena a Milano Zauber quel Flote…, Il dissoluto redento e La Serva Padrona di Pergolesi. Inoltre vince della dodicesima rassegna “EWIVA” indetta dal Comune di Milano con il suo Le quattro stagioni del Capitan Fracassa. Per la Giornata della memoria, insieme al Fisarmonicista Davide Vendramin, porta nelle scuole il suo Primo, ispirato ai sogni del più noto sopravvissuto ai campi di sterminio. Nelle passate stagioni del ciclo Yale a Milano scrive i testi per l’attrice Marta Comerio come voce recitante delle operette La Pèricole, Fruling e Mosca Ceriomuski. Ha collaborato con l’associazione FNASD e con l’Associazione Espressione Danza Milano per la scrittura dei testi e la regia di spettacoli quali Lo schiaccianoci, La bella addormentata, Cenerentola, Animali sulle punte, Il piccolo principe, Pinocchio e il Sogno di una notte di mezza estate. Partecipa regolarmente alla rassegna Torinese Micron, dedicata alle opere da camera per ragazzi e alla rassegna TamTamusica del Teatro Edi di Milano. Per il Crescendo in musica 2010/11 cura la regia de Il Monello e le apparizioni di Maurice Ravel, Amahl e i Visitatori notturni di  Giancarlo Menotti, Chi rapì la topina Costanza? di Roberta Vacca e Lo scoiattolo in Gamba di Nino Rota a cui aggiunge un prologo sulle musiche degli Uccelli di Ottorino Respighi. Per la stagione “Notturni in Villa” del luglio 2011 scrive e dirige L’Italia è un mobile: 150 anni nell’armadio, una riduzione del Rigoletto di Giuseppe Verdi, collegata al tema del  150° anniversario dell’Unità d’Italia. La rivista “Spazio, essere bambini è bellissimo” pubblica i suoi racconti: Un violino per Arùn e L’arca di Mira. Nell’aprile 2013 mette in scena la prima assoluta dell’operina Chicino e Cicotta della compositrice Silvia Colasanti su testo di Roberto Piumini. Di recente apparizione il suo C’era una volta l’opera ed il FisaElisir d’amore, entrambi dedicati al repertorio Lirico. Oltre alla regia de L’orto dei sogni di Carlo Chiddemi, nella stagione 2013/14 scrive e mette in scena La famiglia degli archi da un’idea di Kirill Vishniakov con l’attore Tommaso Banfi e Classic top ten su arrangiamenti di Gabriele Bazzi Berneri.

 

 

Il Progetto Educational, di cui la rassegna Crescendo in Musica fa parte, è patrocinato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e sostenuto da Regione Lombardia – Settore Cultura, Intesa San Paolo, con il sostegno di Fondazione Cariplo, di CIDIM, Comitato Nazionale Italiano Musica, e di Donna Kendall Foundation (Corona del Mar, California).

Giunto alla quattordicesima edizione, il Progetto Educational intende incentivare l’arte dell’ascolto: arte che è alla base non solo della comprensione del linguaggio musicale ma di qualsiasi processo educativo.

 

(Visited 96 times, 1 visits today)