Tavola rotonda “Le Scelte Difficili delle Donne “ all’Assomoda – Milano

Tavola rotonda dal libro

Le Scelte Difficili delle Donne

di

Marianna Archetti

                                                                                                                            

Preparata e intraprendente,  così è apparsa Marianna Archetti,  martedì 8 aprile al pubblico intervenuto. Infatti, nonostante l’inaugurazione in contemporanea del Salone del Mobile, la sala Turismo della Confcommercio in Corso Venezia 47 a Milano, dove Assomoda ha ospitato la presentazione del libro e tavola rotonda “Le Scelte Difficili delle Donne “ era gremita. Casalinghe, imprenditrici, libere professioniste, giornaliste e scrittrici, questo il pubblico presente, e molte accompagnate dai compagni.

 

Occupazione, disoccupazione, i limiti dati dal lavoro domestico, carriera e sogni.
questi gli argomenti passati in rassegna dall'autrice che ha iniziato dalla considerazione dell’importanza della wemonomics "l'economia delle donne", dei pregiudizi sulla leadership femminile (soffitti di cristallo), le difficoltà del rientro al lavoro dopo il primo figlio.

 

Le donne oggi costituiscono un immenso serbatoio di talento nel mondo del lavoro e rappresentano più della metà del mercato dei beni di consumo. Raggiungere le consumatrici e sviluppare il talento femminile è essenziale per far fronte alle sfide del ventunesimo secolo. È dimostrato infatti che un miglior equilibrio di genere nelle imprese – a tutti i livelli, ma soprattutto ai piani alti – porta a risultati migliori. Perché allora sono ancora così poche le donne in ruoli di leadership nelle aziende? Perché le imprese hanno difficoltà a rispondere adeguatamente alle esigenze delle consumatrici di oggi? Perché in tutto il mondo continua a persistere un divario salariale fra uomini e donne?Gli attuali sistemi aziendali e le relative culture non sono più adeguati né all'articolazione dell'odierna forza lavoro, né alla complessità della società, né alle sfide future. Bisogna uscire dai vecchi schemi e compiere una vera e propria rivoluzione culturale per rendersi conto che le donne nel mondo del lavoro non costituiscono un problema etico, ma una necessità economica. Portatrici di attitudini e capacità diverse, esse costituiscono una gigantesca opportunità e favorirne l'ascesa alle posizioni di vertice è urgente per assicurare una crescita dell’economia.”

L’intervento è terminato con la proposta di soluzioni come: L'inserimento di nuovi servizi per le donne che le sgraverebbe dal peso del lavoro domestico, e nello stesso tempo permetterebbe loro di rivolgersi ad altre attività; la nascita di nuove politiche di sostegno sociale, sulla falsa riga dei paesi Scandinavi, che diano la possibilità di far partire la wemonomics. Rendere innocua la cultura arcaica, che incatena la donna  alla casa. Nasce per Marianna Archetti la necessità di impegno in iniziative che portino a una trasformazione. Questo è l’obiettivo del tour “le Scelte Difficili delle Donne”che lei stessa ha deciso di intraprendere. Un a porta a porta, nelle piazze e comuni d’Italia, che veda il coinvolgimento di donne e uomini, così com’è stato martedì mattina, quando alla fine dei lavori tutti hanno voluto ringraziare la giovane politica e gli organizzatori della manifestazione.

Alla stessa tavola rotonda hanno partecipato, sempre sul tema del lavoro, LARA COMI, parlamentare europea, illustrando l’impegno e le nuove iniziative che la Comunità Europea ha sviluppato  per agevolare le imprese in ‘rosa’. E la legge a tutela del  Made in Italy.w w.laracomi.itn Per la formazione ANNALISA QUARANTA, con Talent Donna, il  nuovo concept ideato da lei in collaborazione con FattoreMamma per valorizzare i talenti femminili, colmare le lacune che impediscono di avere successo nel proprio business e creare le condizioni per cambiamenti significativi nel proprio lavoro, il tutto attraverso l’energia femminile della Rete. www.talentdonna.it.

 

La scrittrice SILVANA LA SPINA ha parlato delle dinamiche che  sono alla base dei difficili rapporti che a volte intercorrono tra madre e figlia, donna e donna, e del  blog dedicato alle donne  – Nord chiama Sud – un supporto per le giovani che vengono a studiare e a lavorare al Nord. www.bernabò.it

Limprenditrice  MARIA  CRISTINA de ZUCCATO ha spiegato perché per lei   il cambiamento,  è alla base di ogni successo. Infatti dopo essersi dedicata  a tempo pieno al “Progetto mamma”, fino a che l’ultimo figlio andando a scuola le lascia di nuovo del tempo libero, si è reinventata un’attività di tipo imprenditoriale nel commercio e nel settore del temporary retailing, aprendo e gestendo un temporary shop. E non solo, ora facendo  nascere anche  NOEMA GALLERY.

www.noemagallery.com. E la giornalista, esperta di costume  ELISABETTA INVERNICI ha  chiuso i lavori, con una relazione sul nuovo  modo di intendere la filosofia,  vissuta non come disciplina o come insieme di nozioni, ma come modo di pensare, interrogare e mettere sotto esame la vita quotidiana. Servendosi di un linguaggio comune, la consulenza filosofica si configura come una modalità di chiarificazione e di costruzione dell’esistenza, e cerca di accompagnare, attraverso l’uso della domanda, le scelte che ognuno di noi deve operare nel corso della vita.

Scelte difficili, quelle delle donne, per assolvere alle quali bisogna prima rispondere alla domanda di senso: “perché lo sto facendo?”.

www.heartspace.it

 

A Massimo Costa, segretario generale di Assomoda, che si è prestato di buon grado a promuovere l’iniziativa, il compito di coordinare quest’insieme corale di voci femminili.

www.assomodaitalia.it

 

 

 

 

 

(Visited 24 times, 1 visits today)