Lisson Gallery Milan | CEAL FLOYER

 
 
27 marzo – 16 maggio 2014
Lisson Gallery Milan
Via Zenale 3
 
Inaugurazione: mercoledì 26 marzo 2014 ore 19 – 21
Lisson Gallery Milan presenta dal 27 marzo al 16 maggio una personale di Ceal Floyer (Berlino, 1968), in coincidenza con un’importante rassegna del suo lavoro proposta dal Museion di Bolzano (1 febbraio – 4 maggio 2014).
 
Per la sua prima esposizione alla Lisson Gallery Milan, Ceal Floyer analizza, gioca e si avventura lungo i confini di ciò che l'arte potrebbe e dovrebbe essere.
 
Nel suo lavoro del 2008, Taking a Line for a Walk, una “segnacampo”, la macchina che crea delle linee bianche sui campi sportivi, è guidata per la stanza fino a che non esaurisce la pittura. L’opera prende il titolo dall’affermazione di Paul Klee, nell'introduzione al suo Pedagogical Sketchbook del 1923, su che cosa dovrebbe essere un disegno: "Una linea attiva che passeggia, si muove liberamente, senza meta. Una passeggiata per il gusto di una passeggiata": la linea di Floyer che serpeggia attraverso lo spazio – una performance e una scultura, tanto quanto un disegno o la pittura – sarà ricreata in tutta la galleria, attirando i visitatori al piano inferiore e all’esterno. Una sezione rettangolare di erba nel cortile, intitolata Greener Grass (2014) – come recita un vecchio proverbio – sembrerà davvero più luminosa rispetto all’erba presente in natura e più vivida, ma solo se vista dal lato opposto (da un solo profilo, essendo stata dipinta di una tonalità di verde più brillante rispetto all’altra).
 
Un'altra opera, che sfida la definizione di “scultura”, è Press (2014): si tratta di un singolo foglio di carta spiegazzato, con la sola pressione di un ferro caldo posto al suo centro, un tentativo di stirare le imperfezioni della carta. Una nuova opera fotografica e una nuova scultura potranno anche mettere in discussione quello che stiamo osservando e udendo: con la trottola di un bambino che viene fermata nel suo percorso attraverso il processo di trasferimento da film in movimento a fermo immagine, mentre un brano audio ripeterà e farà eco a una canzone. La rassegna dei recenti lavori di Floyer al Museion di Bolzano, presenta dieci installazioni rappresentative della sua produzione degli ultimi due decenni, tra cui Scale(2007), un assemblaggio di altoparlanti disposti in modo da sembrare una rampa di scale che porta al soffitto e riproduce il suono che potrebbe essere quello di passi che salgono; Drop (2013), un film in cui si attende che delle gocce d’acqua cadano ed Exit (2006), che dal cartello di un’uscita di emergenza cancella il disegno di una porta, creando così un’uscita totalmente diversa.
 
Ceal Floyer
Artista concettuale, Ceal Floyer è celebrata per i suoi abili interventi in situazioni quotidiane, esaminando lo slittamento tra funzione e implicazione, letterale e immaginario. Lavorando con i video e le installazioni, ripropone oggetti della quotidianità come fonte di sorpresa e umorismo. In Light (1994), per esempio, una lampadina solitaria e scollegata è illuminata da quattro lati da proiettori di diapositive; in Stable (2008), l'onnipresente sottobicchiere piegato, che spesso si trova infilato sotto una gamba del tavolo traballante, è chiamato quattro volte a sopportare il carico di tutte e quattro le gambe del tavolo.

Tali adattamenti fanno ricorso a un acuto senso dell'assurdo, con un'economia di linguaggio che mette in risalto la bellezza del dettaglio. Gli spettatori sono spinti a reagire “a scoppio ritardato”, e a un più attento esame, riconoscono una sorta di poesia diffusa. La chiarezza di pensiero di Floyer e l’elegante e concisa presentazione delle sue idee risuonano attraverso tutte le aree della sua pratica artistica. La semplicità ingannevole del lavoro si fonda su un particolare senso dell'umorismo e sulla consapevolezza dell'assurdo dell’artista. Floyer si serve di queste reazioni ritardate e dei mutevoli punti di vista per costringere lo spettatore a rinegoziare la sua percezione del mondo.
 
Ceal Floyer – Cenni Biografici
Ceal Floyer è nata nel 1968 e vive e lavora a Berlino. Ha completato un BFA alla Goldsmiths College, London (1994). Tra le mostre personali si includono: Museoin, Bolzano (2014); Kolnischer Kunstverein, Cologne (2013); DHC/ART Foundation for Contemporary Art, Montreal (2011); Museum of Contemporary Art North Miami (MOCA), (2010); Palais de Tokyo, Paris (2009); KW Institute for Contemporary Art, Berlin (2009) and MADRE, Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina, Naples (2008). Tra le numerose mostre collettive, ha recentemente partecipato alla Guangzhou Triennial, Guangdong and documenta 13, Kassel, Germany (entrambe nel 2012). Ha vinto il Preis der Nationalgalerie Fur Junge Kunst, Hamburger Bahnhof, Berlin (2007) e il Nam June Paik Award, North Rhine-Westphalia, Germany (2009).
 
Lisson Gallery
Lisson Gallery è una delle più influenti e longeve gallerie internazionali d’arte contemporanea al mondo. Fondata nel 1967 da Nicholas Logsdail, ha aperto la strada alle carriere giovanili di alcuni importanti artisti minimalisti e concettuali, come Sol LeWitt e Richard Long, così come a quella di rilevanti scultori britannici, da Anish Kapoor a Tony Cragg fino alla generazione più giovane, guidata da Ryan Gander e Haroon Mirza. Lisson Gallery rappresenta 42 tra i più innovativi ed emozionanti artisti contemporanei, inclusi sei vincitori del Turner Prize e molti che hanno ricevuto il Leone d’Argento alla Biennale di Venezia. Con due spazi espositivi a Londra, uno a Milano e un ufficio a New York, la galleria supporta e aiuta a livello globale la crescita degli artisti, tra cui figurano Marina Abramovic, Allora and Calzadilla, Ai Weiwei, Gerard Byrne, Liu Xiaodong, Tatsuo Miyajima, Rashid Rana, Pedro Reyes e Santiago Sierra. Il programma Lisson Presents estende questo patrimonio di innovazione curatoriale al di là gli spazi della galleria stessa, attraverso un lavoro in collaborazione con le istituzioni e gli artisti per presentare nuove iniziative in tutto il mondo.
 


Informazioni Pratiche

Mostra
CEAL FLOYER
dal 27 marzo al 16 maggio 2014
 
Sede:  Lisson Gallery Milan
via Zenale 3, 20123 Milano
Orari di Apertura: da Lunedì a Venerdì:  10.00 –  13.00 e 15.00 – 18.00
sabato su appuntamento

T +39 02 89 05 06 08+39 02 89 05 06 08 

e-mail:  milan@lissongallery.com
 
CEAL FLOYER Press, 2014 | Plexi-framed newsprint paper 75 x 60 x 4 cm | © Ceal Floyer, VG Bildkunst, Bonn, Courtesy: Lisson Gallery, London
CEAL FLOYER | Taking a Line for a Walk, 2008 | Lawn marking paint, marking paint advice and marking paint on floor width of line, 12 cm x 5 min | © the artist; Courtesy, Lisson Gallery, London
 

(Visited 22 times, 1 visits today)