CABARET YIDDISH di e con Moni Ovadia al Teatro Franco Parenti Milano

 

 

27 dicembre – 5 gennaio 2013

Sala Grande

 CABARET YIDDISH

di e con Moni Ovadia

violino Maurizio Deho – clarinetto Paola Rocca – fisarmonica  Albert Florian Mihai – contrabbasso  Luca Garlaschelli

suono Mauro Pagiaro

 

Produzione Promo Music – Corvino Meda Editore

 

REPLICA STRAORDINARIA 31 DICEMBRE ORE 21.30

Biglietto Spettacolo € 70 (+ prev)

 Spettacolo + brindisi* € 90 (€70 + €20 + prev)

Brindisi con panettone, spumante, cotechino, uva e lenticchie.

Per la prenotazione del brindisi (€20) è necessario contattare la biglietteria del teatro allo 0259995206

 

La personale forma di teatro musicale di Moni Ovadia, di cui lo Yiddish è la lingua e il Klezmer la musica, è nata sul palcoscenico del Parenti nel 1987 con Dalla sabbia dal tempo, ha trionfato nel ‘91 con Oylem Goylem e nel ‘95 con Dybbuk.

Lo spettacolo è un'immersione nella lingua, nella musica e nella cultura Yiddish, in quell'inafferrabile miscuglio di tedesco, ebraico, polacco, russo, ucraino e romeno per raccontare la condizione universale dell'Ebreo errante, il suo essere senza patria sempre e comunque.

Al centro di una scena nuda, riempita solo da quattro musicisti, il cantore inizia, senza troppi preamboli, la sua storia con un sorriso. Un sorriso antico ed esperto, di chi fin dall’alba dei tempi ha dovuto sfruttare l’ironia per far fronte alle proprie disgrazie e ha saputo riciclare aneddoti e storielle per forgiare una sagace oratoria in risposta al razzismo e alle calunnie. Proprio attraverso le singole «storielle» che accomunano per stereotipo ogni ebreo, Moni Ovadia è capace di far ridere il suo pubblico, ma al contempo di fare emergere quel fondo di verità tipicamente popolare per spiegare, restando sempre sul filo dell’ironia i cardini della cultura ebraica.

Ho scelto di dimenticare la “filologia” per percorrere un’altra possibilità proclamando che questa musica trascende le sue coordinate spazio-temporali “scientificamente determinate” per parlarci delle lontananze dell’uomo, della sua anima ferita, dei suoi sentimenti assoluti, dei suoi rapporti con il mondo naturale e sociale, del suo essere “santo”, della sua possibilità di ergersi di fronte all’universo, debole ma sublime. Gli umili che hanno creato tutto ciò prima di poter diventare uomini liberi, sono stati depredati della loro cultura e trasformati in consumatori inebetiti ma sono comunque riusciti a lasciarci una chance postuma, una musica che si genera laddove la distanza fra cielo e terra ha la consistenza di una sottile membrana imenea che vibrando, magari solo per il tempo di una canzonetta, suggerisce, anche se è andata male, che forse siamo stati messi qui per qualcos’altro.  Moni Ovadia

 

PREZZO
INTERO €32;OVER60/UNDER25 €16;CONVENZIONI €22,50

ORARi
mart – giov – ven – sab h.20.45; merc h. 19.30; dom h. 15.30
*lunedì 30 e mercoledì 1 gennaio riposo
**31 dicembre > EVENTO SPECIALE

INFO
Tel 02 59 99 52 06 – info@eatrofrancoparenti.it

(Visited 28 times, 1 visits today)