Il calendario Barbanera dei Cibi felici al festival “I Primi d’Italia”

Barbanera, l'almanacco più celebre e longevo d’Italia, dal 26 al 29 settembre 2013 si “mostra” a Foligno (PG) nell’ambito de “I Primi d'Italia”, il festival nazionale dei primi piatti che da quindici anni richiama migliaia di buongustai in Umbria, in quella stessa città che diede i natali al leggendario filosofo e astronomo. L’esposizione,  dal titolo  “Barbanera dei cibi felici. Le ortaglie, i campi, il tempo, la luna negli almanacchi”, sarà allestita al secondo piano dello storico palazzo Brunetti-Candiotti (dalle ore 16, ingresso libero).

 

Ideata dalla Fondazione Barbanera 1762, la mostra racconterà in modo accattivante la lunga affascinante storia che lega Barbanera al cibodall’orto al mercato e dalla cucina alla tavola. Tradizioni, stagioni, antichi consigli, ricette, curiosità e buone pratiche ritmate dalla luna, per un cibo felice, frutto consapevole di un uomo che conosce il tempo e vive in armonia con i ritmi del cielo e della terra.

 

La mostra dialogherà con tutti gli altri ospiti del Villaggio delle Tipicità Locali Umbre del festival dei primi piatti, tra cui il Mercato delle Eccellenze Umbre (miele, zafferano, lenticchie, cereali, olio, vino, tartufo…), la mostra fotografica Fatti di Terra, le degustazioni e la Taverna curate dall'Università dei Sapori.

 

In questo festival tutto da gustare, Barbanera porterà dunque il sapore e i sapori del tempo, le condizioni climatiche che influenzano i raccolti, il calendario che scandisce l'arrivo dei cibi in tavola, suggerendo quegli “ingredienti” che rendono felici i piatti e chi li gusta. Il “calendario dei cibi felici”, realizzato in collaborazione con l’Università dei Sapori di Perugia, sarà donato a tutti i visitatori della mostra, anticipando l’uscita del nuovo Almanacco 2014, in edicola a partire da novembre.

 

Infine due importanti appuntamenti: sabato 28 settembre con lo storico Massimo Montanari, uno dei più grandi esperti al mondo di storia dell'alimentazione, che a Barbanera dedica la conferenza “I tempi del cibo”; domenica 29 settembre sarà la volta di Isabella Dalla Ragione, tra le prime in Italia ad occuparsi dell'importanza del recupero dei frutti antichi, che chiuderà la mostra con un incontro sul tema “Archeologia Arborea. Antichi frutti ritrovati tra cibo, paesaggio e arte”.

 

 

 

IL CALENDARIO BARBANERA DEI CIBI FELICI

 

A pochi mesi dall’uscita del nuovo Almanacco (da novembre in edicola)Barbanera, che del tempo è grande misuratore e  interprete, guarda all'anno che verrà con una nuova sorpresa: un calendario speciale di cui il cibo è il vero grande protagonista. “Barbanera dei cibi felici”, realizzato in collaborazione con l'Università dei Sapori, sarà donato a quanti visiteranno la mostra. Mese per mese e stagione per stagione, una vera festa del cibo, con consigli, ricette, proverbi, il dolce o la frittella del santo e le regole di una sana alimentazione. Un calendario lunario, dove la Luna sarà attenta alleata nell'orto e in cucina, un allegro vademecum per tutto l'anno, un caro amico cui affidarsi ogni giorno per godere di un cibo sano, buono, genuino, che non si spreca. Un cibo che sa anche raccontare la sua storia, ricordare tradizioni, simboli, usanze, per riscoprire le meraviglie che portiamo ogni giorno in tavola.

 

 

LA FONDAZIONE BARBANERA 1762

Promotrice e curatrice della mostra, la Fondazione Barbanera 1762 nasce con l’obiettivo di raccogliere, conservare e valorizzare con attività di ricerca, espositive ed editoriali la grande tradizione almanacchistica europeache ha in Barbanera il suo più autorevole erede e continuatore. A partire dallo studio dei documenti conservati presso l’Archivio Storico (oltre 50mila tra lunari, almanacchi e altre testimonianze di editoria popolare dal XVI secolo ad oggi), si occupa della diffusione dei valori di una tradizione attenta a interpretare i segni del tempo, che si ispira a uno stile di vita in armonia con i cicli stagionali e che guarda al rapporto tra cielo-terra-uomo e al saper fare come quotidiano esercizio al buon vivere. La Fondazione ha sede a Spello nello stesso complesso rurale, San Giuseppe, che ospita la sede dell'Editoriale Campi, storica casa editrice del Barbanera.

 

 

(Visited 31 times, 1 visits today)